Ferrari, in arrivo nuovi investimenti per rivoluzionare la Scuderia

0
567
Sebastian Vettel sulla Ferrari SF90 (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel sulla Ferrari SF90 (Foto Ferrari)

F1 | Ferrari, in arrivo nuovi investimenti per rivoluzionare la Scuderia

La Ferrari si è definitivamente stufata di veder trionfare la sua diretta concorrenza, e vuole dare l’assalto decisivo a quel campionato del mondo di Formula 1 che le manca ormai da oltre un decennio. Se questo significa spendere di più, non è un problema. L’amministratore delegato di Maranello, Louis Camilleri, avrebbe infatti deciso di aumentare gli investimenti nel progetto F1 per il prossimo futuro, con il chiaro obiettivo di rivoluzionare la Scuderia e colmare quei punti deboli che hanno determinato le sconfitte patite dalla Mercedes nelle ultime stagioni.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Questo è quanto ha rivelato ieri l’autorevole quotidiano italiano Corriere della Sera, che ha gettato un occhio sui piani della Rossa per le stagioni 2020 e 2021. Il primo elemento sul quale verranno dirottati i nuovi finanziamenti della Casa madre riguarda “il simulatore, quello attuale ha dieci anni”: un elemento sempre più centrale nella preparazione dei Gran Premi, a livello tecnologico. Il secondo riguarda il mercato degli ingegneri: “Arriveranno, alcuni sono già arrivati, tecnici specializzati in ‘dinamica del veicolo’ e ‘gestione delle gomme’. Nomi sconosciuti al grande pubblico, figure chiave per correggere le debolezze”, scrive il corrispondente Daniele Sparisci.

La Ferrari pensa a lungo termine

Uno degli uomini già rientrati a casa è Simone Resta, che ufficialmente tornerà in carica alla Ferrari da novembre, dopo essere stato per qualche tempo direttore tecnico della Alfa Romeo: il capo progettista delle migliori monoposto degli ultimi anni (quelle del biennio 2017-2018) si occuperà di disegnare la vettura per il 2021, stagione in cui entrerà in vigore il nuovo regolamento tecnico rivoluzionato nel Mondiale.

E proprio al 2021 è fissata la prima scadenza per riaprire l’auspicato ciclo vincente del Cavallino rampante. Il nuovo team principal Mattia Binotto e il suo staff, nonostante una prima metà di stagione tutt’altro che soddisfacente, continuano a godere del sostegno dei dirigenti, che non vogliono togliere fiducia ad un gruppo giovane e destinato a crescere sul medio-lungo termine. Lo stesso vale per i piloti, almeno su Charles Leclerc, talentino sul quale i piani alti di Maranello puntano forte, mentre con Sebastian Vettel il futuro è ancora tutto da scrivere.

Insomma, la Ferrari pensa all’avvenire: non solo a quello imminente (le due gare di Spa-Francorchamps e Monza, che dovrebbero favorire tecnicamente la SF90), ma soprattutto alle stagioni a venire, con la speranza che arrivi effettivamente il riscatto iridato. E pazienza se ci sarà ancora da aspettare qualche tempo.

Fabrizio Corgnati