Donna morta al luna park: l’autopsia rivela un’altra verità

Luna Park
(foto dal web)

Il sostituto procuratore che si sta occupando della morte della donna morta al luna park di Miramare ha iscritto nel registro degli indagati il padre della vittima.

Prosegue il lavoro degli inquirenti per ricostruire la dinamica della tragedia consumatasi lo scorso 20 agosto al luna park di Miramare a Rimini dove una donna è rimasta folgorata mentre lavorava ad una giostra. La vittima, Dajana Zambelli di 39 anni, era precipitata dalle scale di ferro dove si era arrampicata per montare una giostra. Dall’autopsia effettuata sul corpo della donna è emerso che la donna è deceduta folgorata ed il sostituto procuratore, Luca Bertuzzi, ha aperto un fascicolo d’indagine per omicidio colposo iscrivendo come unico indagato il padre della vittima, in quanto titolare della giostra.

Incidente al luna park: indagato il padre della donna morta folgorata mentre montava una giostra

Lo scorso 20 agosto una donna di 39 anni, Dajana Zambelli originaria di Cremona, è deceduta mentre stava lavorando ad una giostra presso il luna park di Miramare a Rimini. La giostraia, secondo una prima ricostruzione riportata dalla redazione de Il Resto del Carlino, era caduta dalle scale di ferro dove si era arrampicata da un’altezza di circa due metri. Sul posto sono sopraggiunti i soccorsi del 118 che hanno provato inutilmente a rianimare la donna di cui è stato possibile solo constatarne il decesso. In un primo momento si era pensato ad una morte dovuta alla caduta dalle scale che aveva fatto battere la testa della 39enne, ma dopo l’esame autoptico disposto dall’autorità giudiziaria è emersa un’altra verità: Dajana Zambelli è morta folgorata. Il sostituto procuratore che si sta occupando del caso, Luca Bertuzzi, come riporta Il Resto del Carlino, ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e sul registro degli indagati è stato iscritto il padre della donna come titolare della giostra. Adesso gli inquirenti che stanno indagando sulla vicenda stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti per accertare cosa abbia provocato la scossa e soprattutto da dove sia partita. Tali interrogativi sorgono in quanto durante lo smantellamento delle giostre per sicurezza la corrente viene staccata.

Leggi anche —> Omicidio Sarah Scazzi: “Nessuno gli ha mai raccontato come è andata”