Mattia Binotto (©Getty Images)

F1 | Mattia Binotto promette battaglia e sogna il riscatto

Dopo una prima parte di campionato 2019 deludente in cui avrebbe invece dovuto fare faville e dimostrarsi se non superiore almeno alla pari con la Mercedes, la Ferrari è attesa ad una prova d’orgoglio.

In molte occasioni talmente indietro da faticare pure a salire sul podio, nelle ultime gare la Rossa è stata raggiunta anche dalla Red Bull che mai, dall’Australia all’Ungheria, ha smesso di aggiornare macchina e motore indovinando tutte le parti nuove.

E proprio a proposito di propulsore, per cercare il riscatto, nelle Ardenne, la scuderia di Maranello si affiderà alla terza evoluzione della PU che dovrebbe garantire alla monoposto una ventina di cavalli in più

Il campionato riparte dal Belgio e dalla splendida pista di Spa-Francorchamps , uno dei tracciati più completi presenti nel calendario del mondiale di F1“, ha sostenuto alla vigilia il boss del Cavallino Mattia Binotto. “Abbiamo staccato per qualche giorno, giusto il tempo per ricaricare le batterie e tornare in pista pronti ancora una volta a dare battaglia“.

Siamo più motivati che mai a fare bene nella seconda parte di campionato e vogliamo provarci fin da questo weekend“, ha proseguito l’ingegnere nato in Svizzera con spirito combattivo, ovvero quello che forse è mancato alla squadra modenese negli scorsi appuntamenti dove a tratti ha brancolato nel buio.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il layout belga è caratterizzato da velocità medie molto elevate“, ha quindi analizzato la sfida che attenderà il team da venerdì. “Il primo e l’ultimo settore sono composti da lunghi rettilinei che premiano il maggior spunto, ma è anche nella parte centrale, ricca di curve che richiedono un buon bilanciamento della vettura e un maggior carico aerodinamico, che spesso si riesce a fare la differenza e sul quale dovremo trovare il miglior compromesso di assetto”.

Dopo 12 gare la Ferrari occupa la seconda piazza costruttori con 288 punti contro i 438 delle Frecce d’Argento.
Chiara Rainis