Zanzare: uno studio rivela come scelgono chi pungere

0
1108
(websource)

Zanzare: uno studio rivela come scelgono chi pungere

Le zanzare sono sicuramente gli insetti più odiati dell’estate. Numerose e fastidiose, pungono tutti e disturbano in ogni momento della giornata, soprattutto durante le prime ore del mattino e quelle del tramonto. Non tutti sanno, però, che le zanzare hanno davvero delle povere vittime e no, non si tratta del famoso sangue dolce. Quello è solo un luogo comune che non ha nulla a che fare con i veri motivi per cui alcuni sono più bersagliati da questo insetto.

Belen e Stefano nella bufera: troppe effusioni sul palco –> LEGGI QUI

Appartieni al gruppo sanguigno 0? Una ricerca ha rivelato le zanzare preferiscono questo gruppo: gli insetti captano un segnale chimico che il corpo umano.

Il respiro è un altro dei fattori. Sono attratte dall’anidride carbonica che emettiamo durante la respirazione, riuscendo a fiutarla fino a più di 160 metri. Ecco perché le persone in sovrappeso sono quelle favorite rispetto ai bambini. A causa dello scambio maggiore di ossigeno/anidride carbonica.

Se sei incinta, questo è sicuramente uno dei motivi per cui sei un bersaglio. Le donne in gravidanza producono maggiore anidride carbonica e hanno una temperatura corporea più alta della media.

Se sei uno sportivo, cerca di fare più uso possibile di Autan perché non vedranno l’ora di pungerti. L’attività fisica produce acido lattico e loro ne percepiscono l’odore. Inoltre, durante l’attività fisica la temperatura corporea aumenta. Il massimo è se assumi integratori che aumentano la quantità di ammoniaca e di acido urico che espelli con il sudore.

Se bevi alcol, preparati ad essere morso. L’etanolo contenuto nell’alcol attirano le zanzare. In più quando bevi la tua temperatura corporea aumenta, e di conseguenza vieni punto di più.

L’unico metodo per allontanare questi insetti è mangiare aglio: in questo alimento c’è allicina che noi espelliamo tramite il sudore. L’odore assai acre spinge gli insetti a tenersi a debita distanza.