Verstappen ribelle: “Non voglio stare dietro ad Hamilton”

0
100
Max Verstappen (©Getty Images)

F1 | Verstappen ribelle: “Non voglio stare dietro ad Hamilton”

O la vittoria o niente. Con questa mentalità Max Verstappen ha deciso di affrontare la parte rimanente di mondiale 2019 con uno sguardo anche al futuro. Il grande salto avanti compiuto dalla Red Bull in tempi recenti, ha fatto alzare l’asticella per quanto concerne gli obiettivi iridati del talentuoso olandese, poco propenso a gasarsi della piazza d’onore alle spalle di Hamilton nella classifica generale.

Battere quest’anno Lewis è quasi impossibile. Dovrebbe avere davvero tanta sfortuna“, ha ammesso confidandosi al De Telegraaf.

Se penso invece al prossimo anno le cose sembrano mettersi al meglio, anche se certamente gli altri non staranno lì fermi a lasciare che io vinca“, ha proseguito nella sua riflessione. “Dobbiamo ancora lavorare molto per diminuire il divario. Per ora sono comunque soddisfatto dei progressi fatti. Anche quelli della Honda si stanno comportando bene, quindi abbiamo tutto da guadagnare“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Poco interessato ad un piazzamento finale diverso dal primo, il #33 ha in ogni caso assicurato che si impegnerà a superare Valtteri Bottas e a spezzare così il dominio Mercedes.

Non mi interessa partecipare al Gala della FIA a meno che non sia per la coppa più grande“, ha sottolineato. “Quando fra vent’anni farò un bilancio della mia carriera, non mi sentirò orgoglioso di aver fatto l’inseguitore. Che beneficio ha? Certo, sei il secondo più forte, ma a me non importa. Forse per gli altri è diverso, ma per me solo il successo ha valore“.

Nonostante ad Abu Dhabi difficilmente potrà celebrare da campione del mondo, Mad si è detto contento della sua stagione finora. “Non possiamo dimenticare che in Austria ho vinto per i problemi accusati dalle Mercedes, in ogni caso posso vantare due primi posti, cioè meglio di quanto previsto all’inizio. Stiamo già facendo progressi, ma ci manca ancora un po’“, ha sostenuto.

Chiara Rainis