Renato Zero, chi è Lucy: la sola donna che abbia mai amato – FOTO

0
1424
Renato Zero
A ‘Domenica In’ Renato Zero parlò di Lucy Morante, chi è lei? – FOTO: Instagram

Nel corso della lunga carriera di Renato Zero una parte molto importante l’ha avuta anche Lucy. Si tratta dell’unica donna davvero speciale per lui.

In tanti si sono sempre chiesti se Renato Zero abbia costruito la sua carriera su un personaggio oppure se tale scelta facesse parte di un vero e proprio modo di essere. Gli piacevano gli uomini, le donne o entrambi? Sono interrogativi che all’amatissimo cantautore romano. Di Renato Fiacchini si è detto e scritto tanto, a volte non corrispondente al vero. E lui poi non è che abbia contribuito a schiarire le idee, con il suo atteggiamento alquanto schivo quando si è trattato di parlare di quella che è la sua vita privata. Eppure a ‘Domenica In’ l’anno scorso il poliedrico artista ha parlato di alcuni aspetti della sua vita. A cominciare da Lucy Morante. A Mara Venier lo scorso 25 novembre, Renato Zero disse apertamente che si è trattato della sola storia confermata in amore.

LEGGI ANCHE –> Alba Parietti: “Da giovane ho fatto di tutto a letto. E ora…

Renato Zero: “Lucy Morante la sola vera donna della mia vita”

“Avevo fatto appena tre album. Andavo a cantare in locali come il Dietro, il Patio, il Baccarat di Lugo di Romagna, tutte grosse discoteche. Ero da solo col Revox e senza orchestra. Solo io contro mille persone che erano sotto al palco. E fuori c’era Lucy che vendeva le mie cassette stereo. La RCA quindi mi chiama e mi dice: “Renato Zero, lei ha venduto in tre anni 70.000 dischi, ma che ci ha fatto?”. La risposta del cantante fu schietta. “Li ho venduti!”. E da lì iniziai ad avere una credibilità dai discografici che l’hanno dovuta ammettere, anche se erano in malafede”. Su un possibile matrimonio: “Mai ho pensato di sposarmi. Lo sono solo con il pubblico, ho una famiglia molto numerosa, eravamo in dieci sotto allo stesso tetto ed ogni volta che uscivo col boa e coi lustrini pregavo che non mi menassero. Quando venivo preso di mira, e capitava spesso, andavo da chi mi faceva questo e gli chiedevo cosa gli avessi fatto di male. Così facendo riscossi popolarità e solidarietà dalla mia borgata”.

LEGGI ANCHE –> Leonardo Pieraccioni, lutto insopportabile: “Oggi parlavamo di te” – FOTO