La Mercedes si aspetta “problemi” al rientro dalle ferie estive della F1

Le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas in lotta (Foto Lat Images/Mercedes)
Le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas in lotta (Foto Lat Images/Mercedes)

F1 | La Mercedes si aspetta “problemi” al rientro dalle ferie estive della F1

La Mercedes, dominatrice assoluta della prima parte del campionato di Formula 1 con ben dieci vittorie su dodici gare, non si aspetta una vita altrettanto semplice al rientro dalle ferie estive. Concluso il mese di pausa delle corse, infatti, il calendario prevede a partire da questo weekend due circuiti veloci come Spa-Francorchamps e Monza: piste che, almeno sulla carta, dovrebbero adattarsi meglio alla rivale Ferrari, la quale potrà sfruttare tutta la superiorità a livello di potenza del suo motore.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il Cavallino rampante, dunque, seppur ancora bloccato a quota zero successi in questa stagione, avrà la possibilità di giocarsela ad armi pari con le Frecce d’argento nelle prossime due tappe. E gli stessi campioni del mondo ne sembrano pienamente consapevoli, dato che hanno lavorato sodo anche nel corso delle vacanze proprio alla ricerca di soluzioni per i loro problemi sui tracciati che hanno un’elevata velocità massima.

La Mercedes teme i circuiti veloci

“Dopo la pausa ci aspettano Spa e Monza, due circuiti dalla configurazione completamente diversa”, ha spiegato il team principal Toto Wolff, “dove conta molto la potenza. Ci aspettiamo che si adattino molto bene alla Ferrari e che siano invece difficili per noi. Dovremo risolvere i nostri problemi per poter essere competitivi a Spa”.

Una storia molto diversa da quella vista nell’ultimo Gran Premio prima dello stop, in Ungheria, un tracciato che al contrario è lento e tortuoso, e dove infatti la Ferrari ha pagato oltre un minuto dal vincitore Lewis Hamilton. “L’Hungaroring probabilmente non si adatta bene a loro”, ha confermato Wolff. “Loro hanno un motore molto forte e minor resistenza all’avanzamento in rettilineo. Proprio per questo vedremo una Ferrari velocissima a Spa e a Monza”. Vietato sedersi sugli allori, dunque, persino se ci si chiama Mercedes.