Le due Aprilia di Andrea Iannone e Aleix Espargaro nel Gran Premio di Gran Bretagna di MotoGP a Silverstone (Foto Aprilia)
Le due Aprilia di Andrea Iannone e Aleix Espargaro nel Gran Premio di Gran Bretagna di MotoGP a Silverstone (Foto Aprilia)

MotoGP | Aprilia, finalmente una gara che dà fiducia a Iannone: “Mai mollare”

Finalmente una prestazione promettente per Andrea Iannone, che al Gran Premio di Gran Bretagna di MotoGP porta a casa il decimo posto, suo miglior risultato stagionale in sella alla Aprilia a pari merito con quello ottenuto ad Assen. Nonostante un deficit di velocità sui rettilinei, che per qualche ragione gli fa perdere terreno anche nei confronti del suo stesso compagno di squadra, finalmente le modifiche tecniche sperimentate sulla RS-GP sembrano dare esito positivo e permettere al Maniaco di guardare alle prossime gare con un certo ottimismo.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Ho fatto una buona gara, recuperando tante posizioni e riuscendo a rimanere nel gruppo di Aleix, Pol e Petrucci”, ha commentato Andrea Iannone. “Durante il weekend abbiamo lavorato molto e spero che alcuni spunti ci possano aiutare nelle prossime gare. Purtroppo perdevo terreno in accelerazione, anche rispetto al mio compagno di squadra, e questo mi impediva poi di tentare l’attacco ai piloti che mi precedevano. Continuo a ripetere che non dobbiamo mai mollare e lo confermo anche oggi”.

Aleix Espargarò ritirato per un guasto alla Aprilia

Anche il vicino di box Aleix Espargarò è stato a lungo in lotta con il secondo gruppo, per le prime dieci posizioni, ma a meno di due giri dalla conclusione della corsa è stato costretto al ritiro, per colpa di un problema tecnico ancora non meglio specificato. “La mia partenza è stata molto buona ma poi ho perso un paio di posizioni in seguito all’incidente tra Dovi e Quartararo”, ha raccontato il pilota spagnolo. “Sono riuscito a recuperare velocemente e il passo non era male, ho lottato a lungo con Petrucci e mio fratello ma non era facile rimanere davanti. Sentivo di avere un buon ritmo, forse leggermente migliore rispetto a loro. Purtroppo a meno di due giri dalla fine la moto si è fermata, un peccato dopo tutto quello che avevamo fatto”.