Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Un Valentino Rossi fantastico nelle Qualifiche MotoGP oggi a Silverstone. Il 40enne pilota del team Monster Energy Yamaha ha chiuso con il secondo tempo, dunque partirà dalla prima fila.

Il distacco da Marc Marquez non è ridotto, visto che ci sono ben 428 millesimi tra loro, ma il Dottore è andato comunque meglio di tutti gli altri. Il suo passo in ottica gara sembra buono, seppur ci sia sempre da fare i conti anche con Fabio Quartararo e Maverick Vinales. Senza dimenticare Andrea Dovizioso sulla Ducati.

MotoGP, Qualifiche Silverstone: parla Valentino Rossi

Valentino Rossi al termine delle Qualifiche MotoGP a Silverstone ha così parlato ai microfoni di Sky Sport: «Qualifica molto importante, eravamo molto contenti anche se non abbiamo fatto la pole position. Partire in prima fila in gara è cruciale. Mi trovo bene con la moto, ho buon passo e sono abbastanza veloce. Partire davanti rende tutto più facile. C’era stato un po’ di traffico e molta strategia, nessuno voleva stare davanti. Quindi ho tirato, dato che i primi tentativi non erano andati bene. Mi sono divertito».

Successivamente si parla della gara, con Marc Marquez indicato come favorito da parte del Dottore: «Lui è quello che va più forte, ha più passo e lo metto uno scalino sopra. Dopo di lui ci siamo io, Quartararo, Vinales, Dovizioso e Crutchlow che abbiamo un ritmo simile. Penso ci possano essere più piloti a lottare per il podio. Bisogna essere pronti».

Gli viene domandato se abbia più chance lui di vincere la gara di Silverstone o l’Inter la prima partita di campionato contro il Lecce: «Credo abbia più possibilità l’Inter rispetto a me. Marquez va un pochino di più. Comunque sarebbe bello fare una buona gara, lottare per il podio. Mi piacerebbe anche essere vicino, lì fino alla fine e poi vedere».

A Rossi viene pure chiesto se è più stimolato dall’idea di fare una gara contro un campione affermato come Marquez oppure contro Fabio Quartararo, il giovane emergente: «Per è uguale. Marc è il campione e Fabio l’uomo del momento. Mi stimola molto cercare di battagliare contro loro domani. Comunque voglio salire sul podio e mi sa che bisognerà fare i conti pure con Dovizioso, Vinales e Crutchlow».

Infine Valentino si esprime sulla strategia di Marquez, che alla fine ha fatto il best lap avendo proprio lui come riferimento: «E’ molto strategico, non lascia niente al caso ed è quello che va più forte di tutti. Può fare queste strategie. Lui entra con la prima gomma andando subito forte e facendo il tempo che se va male lo fa partire in prima fila. Con la seconda gomma sta dietro, non ti tira neanche morto. Ma ormai lo sappiamo...».