Farmaco effetti collaterali
Allarme dell’Ema in merito ai possibili effetti collaterali di un farmaco – FOTO: tuttomotoriweb

Assumere un determinato farmaco in quantità eccessive può comportare spiacevoli conseguenze: lo dice l’Agenzia Europea Medica che spiega sintomi e casi.

L’organo medico EMA – European Medicines Agency – ha lanciato l’allarme relativo all’utilizzo di un farmaco molto diffuso. Un uso eccessivo dello stesso – comunemente utilizzato per trattare malattie di natura infiammatoria quali l’artrite reumatoide, la psoriasi e la malattia di Crohn – potrebbe portare anche a conseguenze tanto sgradite quanto importanti. Colpa dei livelli di una particolare sostanza contenuto in esso, il mototrexato. E proprio su questo aspetto l’EMA si sta concentrando, lavorando per evitare il sorgere di disguidi in tal senso. Questa sostanza va assunta una sola volta a settimana infatti, e senza esagerare. Altrimenti aumenta proporzionalmente il rischio di incorrere in possibili effetti collaterali. In fase di revisione del farmaco in questione è emerso che una applicazione più intensa può essere un qualcosa al quale molti pazienti possono essere portati. Serve quindi veicolare il messaggio per cui è importante non esagerare.

LEGGI ANCHE –> Prodotto ritirato da tutte le farmacie d’Italia: nome e lotti 

Farmaco, un prodotto specifico può portare ad effetti collaterali nocivi in caso di abuso

Tra le nuove misure previste ci dovrebbero essere a breve delle indicazioni sulla confezione del medicinale più facilmente leggibili ed evidenti, una campagna informativa atta a raggiungere i pazienti come anche gli operatori sanitari ed anche l’indicazione sulla limitazione su quali soggetti possono prescrivere questo medicinale. In più ci saranno porzioni in blister e non in flaconi, per aiutare a tenere maggiormente sotto controllo ciascuna dose da assumere, come detto, con cadenza settimanale una sola volta. Qualora dovessero sorgere conseguenze fisiche che reputate strettamente connesse all’uso di un prodotto medicinale, andate subito dal vostro medico. I sintomi più comuni sono spesso: nausea, vomito, debolezza, eruzioni cutanee, diarrea e sanguinamento.

LEGGI ANCHE –> Farmaco ritirato, l’Aifa comunica: “Altri tre lotti anomali”