Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Valentino Rossi: “Avevo pensato di smettere, ecco perché non l’ho fatto”

Valentino Rossi arriva a Silverstone con buone sensazioni in vista della gara. Anche lui però come molti suoi colleghi durante le interviste si è soffermato sul ritorno in pista di Jorge Lorenzo e sul divorzio tra KTM e Zarco.

Come riportato da “Sky Sport”, Valentino Rossi ha così commentato: “Il migliore anno qui è stato il 2015 perché ho vinto. Poi era stata una gara importante per il campionato, difficile, sotto l’acqua. Questa è una gara importante per noi perché da Brno siamo migliorati un po’. In Austria abbiamo continuato su questo trend facendo una buona gara su una pista sulla carta complicata. Qui sarebbe importante continuare ad essere veloci e competitivi”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Rossi fiducioso per Silverstone

Il Dottore ha poi proseguito: “La strada che abbiamo preso va bene e dobbiamo cercare di salire sul podio e stare vicini a quelli che lottano per la vittoria. Di solito è sempre complicato capire certe cose finché non andiamo in pista, però l’anno scorso nelle prove ricordo che andavamo abbastanza forte. Sarà molto importante anche il tempo, speriamo che sia asciutto”.

Leggi anche —> Valentino Rossi carico per Silverstone: “Ecco il mio obiettivo per la gara”

Infine Valentino Rossi ha così concluso: “In Ducati ho avuto molti momenti difficili. Lì c’era una grande aspettativa perché dovevamo cercare di vincere e invece ero in difficoltà. In quei 2 anni ci sono stati dei momenti veramente bui e ho pensato anche io di stare a casa, perché in quei momenti lì l’idea è quella, però la gente che mi è stata vicino mi ha aiutato. Tutti quelli che lavorano con me mi hanno detto che non dovevo mollare e che non era la scelta giusta. Bisogna tenere duro adesso. Io credevo che Zarco avesse fatto questa scelta per cambiare moto, invece, pare proprio di no. Complicato da dire però perché ognuno ha le sue reazioni”.

Antonio Russo