Andrea Zamperoni chef morto
È un mistero la morte di Andrea Zamperoni, lo chef morto a New York – FOTO: Facebook

La polizia indaga sul caso di Andrea Zamperoni, lo chef morto in una zona malfamata di New York. Che ci faceva lì, lui che non aveva mai avuto problemi?

Il povero Andrea Zamperoni, lo chef morto e ritrovato due giorni fa privo di vita a New York, nel Queens, è stato probabilmente ucciso. Lo pensa la polizia che aveva ricevuto una telefonata anonima nella quale veniva informata del luogo in cui poter trovare il corpo del 33enne originario di Lodi ma che dal 2009 lavorava all’estero. Gli agenti lo hanno ritrovato morto all’interno del ‘Kamway Lodge & Tavern’, un ostello alquanto malfamato in quanto frequentato da lucciole e da spacciatori di droga. Zamperoni era al primo piano, avvolto in un lenzuolo, con i poliziotti che hanno sorpreso una donna priva di vestiti nella stanza dove era presente il corpo e che indicava loro che quello era lo chef morto. Il giovane era capo pasticciere per un locale della catena ‘Cipriani Dolci’ a New York. Si era trasferito nel 2018 negli Stati Uniti, dopo aver lavorato per un altro locale dell’azienda a Londra a partire dal 2009.

LEGGI ANCHE –> Margarita Plavunova, chi era la giovane atleta russa morta – FOTO

Chef morto, le circostanze del decesso sono molto sospette

Lì ricopre lo stesso incarico anche suo fratello gemello Stefano, che lunedì ha volato con urgenza negli Usa per partecipare alle ricerche di Andrea e che ha svolto il riconoscimento di rito. Si indaga su quanto successo, con la vittima che non aveva fatto segnare alcun episodio controverso in passato. Era single e mai c’era stato qualche comportamento sospetto. Lo chef morto era tornato a casa sabato notte, ad accoglierlo c’era il suo coinquilino. Poi qualche ora dopo aveva affittato un veicolo Uber, salvo poi tornare. L’ultimo avvistamento di Zamperoni risale a lunedì mattina, un’ora prima di andare a lavorare. Nel suo locale però non ci è mai andato, e questo ha fatto scattare l’allarme da parte dei colleghi. Relativamente alla sua presenza nell’ostello dove è stato trovato senza vita, si parla anche di un litigio scoppiato proprio al primo piano. Al più presto verrà svolto un esame autoptico per cercare di fare maggiore luce sul decesso del giovane.

LEGGI ANCHE –> Mario Biondo, il medico legale ammette: “Subii pressioni per l’autopsia”