Valentino Rossi a fianco di Marc Marquez nella conferenza stampa della vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone (Foto MotoGP)
Valentino Rossi a fianco di Marc Marquez nella conferenza stampa della vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone (Foto MotoGP)

MotoGP | Valentino Rossi carico per Silverstone: “Ecco il mio obiettivo per la gara”

Valentino Rossi si ripresenta in pista carico per gli ultimi due risultati positivi: il sesto posto nel Gran Premio della Repubblica Ceca e soprattutto il quarto in Austria, su un tracciato teoricamente sfavorevole alla sua Yamaha, hanno rilanciato il suo umore dopo la striscia negativa con cui si era presentato alle ferie estive. “Nelle ultime due gare, a partire da Brno, abbiamo iniziato con il piede giusto, poi abbiamo fatto un altro passo in avanti, abbiamo lavorato bene e siamo stati piuttosto competitivi in gara”, commenta il Dottore nella conferenza stampa della vigilia a Silverstone. “Considerando che l’Austria, sulla carta, era una delle piste peggiori per noi, il risultato non è stato così negativo, anche se non siamo stati abbastanza veloci da trovare il podio. Arrivando qui spero di continuare a lavorare così”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ora il calendario della MotoGP propone il Gran Premio di Gran Bretagna, una gara che in passato si è dimostrata amica sia del fenomeno di Tavullia che della sua moto giapponese: “Silverstone è una pista fantastica, grandiosa, tutta molto veloce e tecnica”, la descrive il nove volte iridato. “Nel passato ho disputato delle belle gare e sono arrivato sul podio, per cui questo è il mio obiettivo anche in questa occasione. La velocità massima non è il nostro punto di forza, ma sulla carta in Austria era più importante che qui. Quello che conta di più è trovare un buon feeling con la moto, un buon bilanciamento ed essere pronti per domenica”.

Leggi anche —> Valentino Rossi è rigenerato: ora a Silverstone può puntare in alto

Un’incognita in più, per Valentino Rossi come per tutti gli altri piloti, è data dalla riasfaltatura del tracciato, oltre che dal rischio pioggia sempre in agguato: “Tutti noi non vediamo l’ora di scoprire il nuovo asfalto domani: se avranno svolto un buon lavoro, riducendo i sobbalzi e aumentando l’aderenza, sarà molto divertente guidare qui. Dovremo tenere un occhio anche al meteo, perché nel 2017 qui il weekend fu fantastico, mentre l’anno scorso purtroppo fu molto più difficile. Speriamo che stavolta vada come nel 2017!”.

Valentino Rossi esprime vicinanza a Johann Zarco

Dai giornalisti arriva anche una domanda sulla decisione shock di Johann Zarco di lasciare la Ktm alla fine di quest’anno. Una situazione che, sul piano delle differenze tra aspettative e prestazioni, Valentino Rossi accomuna al biennio nero che visse in Ducati, tanto da esprimere tutta la sua simpatia nei confronti del pilota francese. “La sua situazione la trovo un po’ simile a quella che vissi in Ducati”, spiega il numero 46. “Dall’esterno c’erano grandi aspettative, ma specialmente nel mio caso purtroppo non avevo un buon feeling con la moto, specialmente all’anteriore, che mi consentisse di essere competitivo e di vincere. Forse anche Zarco si è ritrovato in una situazione simile, perché so che in quel caso è molto difficile: perdi la motivazione e anche la felicità di partire per una gara e di pensare positivamente di poter far bene. Quando inizi già in modo negativo e non ti diverti ad andare in moto è difficile, tutto diventa più pesante: i viaggi, parlare con i giornalisti, tutto. Entri in un tunnel. Quando ero in Ducati pensai molte volte di smettere, ma alla fine per me la decisione di non fermarmi si è rivelata giusta, perché se lasci e non hai un’altra moto per correre è molto facile uscire dal giro. Alla fine ho fatto delle belle gare, come a Misano, ho colto dei podi ed è andata bene così. Quando ho sentito di Zarco pensavo che avesse un’altra opzione per il prossimo anno, ma sembra di no, per cui sarà difficile. Ma penso che per ciascuno le situazioni siano diverse, ciascuno di noi è diverso e se questa è stata la sua scelta, penso che tornerà presto con una moto competitiva”.