La Red Bull di Max Verstappen davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel (Foto Getty Images/Red Bull)
La Red Bull di Max Verstappen davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel (Foto Getty Images/Red Bull)

F1 | Buone notizie per la Ferrari: penalità in arrivo in casa Red Bull

“Le penalità? Saranno inevitabili”. Il team principal della Red Bull, Christian Horner, appare ormai rassegnato: la sua squadra si aspetta di dover pagare lo scotto dell’aggressiva strategia di sviluppo del suo motorista Honda, con una serie di arretramenti in griglia di partenza nella seconda metà del campionato. Il costruttore giapponese, infatti, ha già introdotto nelle prime dodici gare della stagione tutte e tre gli aggiornamenti del propulsore concessi dal regolamento.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

In termini di prestazioni, i passi in avanti si sono visti, come hanno dimostrato le due vittorie di Max Verstappen in Austria e in Germania e la pole position in Ungheria. Eppure c’è anche un’altra faccia di questa medaglia, molto meno rassicurante per i Bibitari: se nei prossimi nove Gran Premi in calendario la Honda dovesse decidere di portare almeno un altro nuovo motore, ecco che scatterebbe la penalizzazione. “Inevitabile”, come l’ha definita il boss.

Honda e Red Bull discutono quando pagare la penalità

“Non siamo in lotta per il campionato costruttori, siamo molto distanti in classifica piloti”, mette le mani avanti Horner. “Perciò, se ci sarà modo di introdurre nuovi motori nella seconda metà dell’anno, che porteranno più prestazioni e ci permetteranno anche di migliorare la nostra comprensione, allora saremo assolutamente favorevoli”. Una buona notizia per la Ferrari, perché se è vero che la Red Bull non è in corsa per il titolo, sicuramente lo è per la seconda posizione, dove la separano solo 44 punti dal Cavallino rampante e l’arrivo della nuova rampante seconda guida Alexander Albon potrebbe contribuire a portare un ulteriore bottino alla squadra.

Nel frattempo, dal canto suo, la Casa di Tokyo continua a lavorare sulle evoluzioni del proprio motore anche durante la pausa estiva. “Non costantemente, ci siamo presi dei giorni di pausa, ma continuiamo a lavorare”, ha dichiarato il direttore tecnico della Honda F1, Toyoharu Tanabe, al sito specializzato Racer. “Come sapete, abbiamo già applicato la nostra terza power unit (al Gran Premio di Francia, ndr). Questo significa che il prossimo step ci porterà una penalità, e stiamo discutendo le tempistiche con le squadre. Troviamo questi miglioramenti un passo alla volta, e se questi passi saranno grandi o piccoli è difficile da dire in anticipo: ma il nostro obiettivo è sempre quello di andare avanti e questo è il nostro piano”.