(©Gooding & Company Twitter)

F1 | Asta record per la Ferrari con cui Lauda vinse il mondiale 1975

Si è tenuta venerdì scorso un’asta speciale che ha visto protagonista assoluta un’auto ora considerata un pezzo davvero pregiato.

A quattro mesi dalla scomparsa di Niki Lauda, avvenuta per l’aggravarsi dei problemi ai reni e ai polmoni che lo attanagliavano dal noto rogo de Nurburgring del 1976, le vetture da lui guidate sono diventate molto ambite dai collezionisti alla pari di quelle di Ayrton Senna e Michael Schumacher.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Durante il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, Monterey, Stati Uniti la  Casa d’aste Gooding & Company ha battuto per la cifra record di 6.000.000 di dollari la Ferrari 312 T con telaio 022, che l’austriaco aveva utilizzato nel 1975, anno del suo primo mondiale vinto per il Cavallino.

Un po’ di storia – Progettata da Mauro Forghieri, grazie al tre volte iridato e a Clay Regazzoni, la monoposto si è aggiudicata sei GP su un calendario di quattordici, dieci pole e sei giri veloci. L’esemplare in vendita a Pebble Beach ha disputato 5 gare, ottenendo una seconda piazza a Zandvoort, una terza al Nurburgring e un successo in Francia. Nonostante la gloria nel Circus, la 312 T telaio 022 ha esordito in una corsa a parte, ossia a Silverstone in occasione del BRDC International Trophy, dove Lauda si scontrò con il rivale numero 1 del 19876 James Hunt. Allora l’inglese riuscì ad assicurare lo start al palo, ma il primo posto finale andò al “Computer” a seguito di una defaillance al motore della Hesketh. Come detto la macchina presente nella kermesse californiana è stata guidata non solo da Lauda, ma pure da un altro personaggio amatissimo dai fan del motorsport, ossia Regazzoni, che la portò in pista in Belgio terminando quinto e poi in Sud Africa del 1976, dove fu costretto al ritiro per noie al motore.

Chiara Rainis