MotoGP, che futuro per Zarco? Poncharal: “Difficile trovare un team”

0
965
Hervé Poncharal
Hervé Poncharal (Getty Images)

Nessuno si aspettava che la situazione di Johann Zarco potesse diventare così negativa. Il pilota francese, frustrato dai negativi risultati in questo campionato MotoGP 2019, ha chiesto e ottenuto da KTM una risoluzione del contratto anticipata.

L’accordo iniziale prevedeva una scadenza fissata a fine 2020, ma le parti hanno trovato un’intesa per separarsi al termine dell’attuale stagione. Un colpo di scena, visto che il due volte campione del mondo Moto2 aveva creduto molto nel progetto della casa austriaca e sperava di riuscire a fare buoni risultati. Tuttavia, le cose sono andate diversamente. Il compagno Pol Espargarò lo sta battendo nettamente e di recente anche Miguel Oliveira del team cliente Tech3 ha iniziato ad arrivargli davanti.

MotoGP, Zarco via da KTM: il commento di Poncharal

Il capo del team Tech3 è Hervè Poncharal, colui che aveva puntato su Zarco in MotoGP quando collaborava con Yamaha. Due annate positive assieme prima di firmare entrambi con KTM, seppur lavorando in strutture diverse. Proprio lui ha parlato così ai microfoni di Marca in merito a quanto successo al rider 29enne: «Tutti pensavano che avrebbe lottato di più con Espargarò, dato che sono piloti di livello simile. Ma non capiamo perché non stia ottenendo i risultati attesi. E’ complicato comprendere il motivo, visto che KTM sta facendo un lavoro incredibile e lo vediamo anche con Oliveira. Stiamo ricevendo evoluzioni velocemente e la moto sta facendo veri progressi.».

Il manager francese ritiene che Johann non avrebbe dovuto mollare così presto e che adesso potrebbe faticare a trovare una sistemazione in MotoGP per il 2020: «Probabilmente lui non si è adattato e ha ritenuto di averci provato abbastanza. Vedremo cosa succederà in futuro, ma è stato uno shock vederlo con così tanti problemi. Aveva ancora un anno e mezzo di contratto, quindi il tempo per provare col tempo di migliorare e avvicinarsi a Pol. Comunque i capi di KTM lo rispettano. Io voglio solo che sia felice e lui non lo era in KTM. Ma secondo me sarà difficile per lui trovare un’altra possibilità in un altro team».

Effettivamente per Zarco non sembrano esserci opzioni valide nella griglia della top class. Potrebbe decidere di prendersi un anno sabbatico oppure di “parcheggiarsi” per una stagione nel campionato mondiale Superbike (qualcuno ha fatto trapelare pure un’ipotesi di ritorno in Moto2). Poche opzioni pure per KTM, chiamata a sostituire il pilota francese per il 2020. Recentemente è emersa un’idea Alvaro Bautista, che in SBK divorzierà da Ducati e non ha ancora chiuso l’accordo con Honda. Non ci sarà una promozione di Oliveira, che correrà ancora nel team Tech3 e verrà affiancato da Brad Binder (proveniente dalla Moto2). Poncharal ha confermato in modo netto.