Leclerc impara la lezione dall’esperto Vettel: “Ecco cosa mi ha insegnato”

0
306
I due piloti della Ferrari, Charles Leclerc con Sebastian Vettel (Foto Ferrari)
I due piloti della Ferrari, Charles Leclerc con Sebastian Vettel (Foto Ferrari)

F1 | Leclerc impara la lezione dall’esperto Vettel: “Ecco cosa mi ha insegnato”

Avrà anche sorpreso gli addetti ai lavori e conquistato la stima dei tifosi ferraristi grazie ad una prima metà della stagione di Formula 1 in cui è riuscito stabilmente a tenere il passo del suo compagno di squadra. Ma Charles Leclerc ha ancora molto da imparare per raggiungere il livello di un quattro volte campione del mondo come Sebastian Vettel. E a testimoniarlo non sono solo i numeri, che al momento premiano il tedesco con 24 punti di vantaggio in classifica piloti e sei podi al suo attivo contro i cinque del suo giovane vicino di box.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Lo stesso baby fenomeno monegasco non ha problemi ad ammettere gli effetti della sua inesperienza, avendo alle spalle appena una stagione in Alfa Romeo e mezza in Ferrari. Tanto che la vicinanza con un pilota ben più stagionato come Vettel gli ha insegnato delle preziose lezioni, come lui stesso confessa: “Prima di tutto ho imparato dalla sua estrema precisione in tutto ciò che fa con la macchina”, spiega Leclerc. “L’ho notato da subito, fin dalla prima volta in cui l’ho ascoltato durante un briefing dopo la sessione. Sotto questo aspetto, ho ancora da migliorare”.

Charles traccia un bilancio onesto del suo esordio in Ferrari, esprimendo in generale una comprensibile soddisfazione, ma senza nascondere anche gli inciampi che lo hanno visto protagonista in numerose occasioni: “Sono felice di come sia andata la prima metà della stagione, da parte mia”, ha raccontato. “Ovviamente ho commesso degli errori da cui ho imparato. All’inizio della stagione, uno dei miei problemi era il passo in qualifica: facevo fatica, mi ci sono impegnato molto e direi che da qualche Gran Premio a questa parte sono migliorato parecchio. Il mio passo gara, invece, è stato buono fin dall’inizio. Ci sono ancora sicuramente degli aspetti su cui posso migliorare, ma sarà così fino alla fine della mia carriera, perché non si smette mai di crescere. Per esempio dal punto di vista della messa a punto: con l’esperienza potrò fare molto meglio. Ma ho anche bisogno di cercare di comprendere la macchina ancora di più, e di condurre gli ingegneri sulla direzione giusta ancora meglio”. Il margine di miglioramento è ancora ampio ma, avendo appena 21 anni, Charles Leclerc ha ancora il tempo tutto dalla sua parte.