Sebastian Vettel e Charles Leclerc, la coppia di piloti della Ferrari (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel e Charles Leclerc, la coppia di piloti della Ferrari (Foto Ferrari)

F1 | Mattia Binotto ha deciso: “Ecco la coppia di piloti Ferrari per il 2020”

“Abbiamo una coppia di piloti di alto livello e non vedo motivi per cambiare nulla”. Parola del team principal Mattia Binotto, che mette definitivamente la parola “fine” su qualsiasi voce di mercato incontrollata riguardante lo schieramento della Ferrari per la prossima stagione. A finire sul banco degli imputati non era stato tanto il sorprendente nuovo arrivato Charles Leclerc, quanto piuttosto proprio il capitano Sebastian Vettel, le cui prestazioni spesso deludenti e inferiori alle aspettative avevano portato molti osservatori a prevedere addirittura un suo imminente ritiro dalle corse.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Così non sarà, e a mettere le cose in chiaro è stato direttamente il suo capo: “Entrambi i nostri piloti hanno un contratto e non c’è dubbio che Vettel sarà con noi nel 2020”, ha dichiarato ai microfoni del quotidiano sportivo spagnolo Marca. Punto e a capo. Figuriamoci poi se Binotto vuole farsi scappare il talentino Leclerc, la cui stella nascente non è stata certamente oscurata da un paio di errori di troppo negli ultimi weekend di gara: “Charles sta disputando la sua prima stagione alla Ferrari ed è sottoposto ad una grossa pressione”, ha dichiarato. “Ha commesso degli errori, ma ora deve solo imparare e non ripeterli più”.

E Vettel difende il team principal Binotto

Se Binotto si è speso per difendere il suo pilota di punta, anche Vettel, dal canto suo, ha preso le parti del suo boss. Lo stesso team principal, infatti, è stato messo in discussione per via del rendimento in pista della Ferrari, che ora rischia seriamente di essere battuta non solo dalla Mercedes ma anche dalla stessa Red Bull. Tanto da far rimpiangere, a qualcuno degli addetti ai lavori, perfino il suo chiacchierato predecessore Maurizio Arrivabene.

Ma questa non è l’opinione di Seb: “Non credo sia corretto confrontarli tra di loro, ogni anno e ogni situazione è diversa”, ha commentato il campione tedesco. “Le circostanze non sono facili, non abbiamo vissuto la prima metà di stagione che ci auguravamo, ma tutto il team resta concentrato e calmo. Binotto? Il suo ruolo è diverso, ma la squadra è molto simile a dodici mesi fa. E questo lo ritengo positivo. Dobbiamo migliorare, rafforzarci come squadra e solo i prossimi mesi ci dimostreranno se abbiamo preso la direzione giusta. Ma Mattia sta lavorando molto bene e mantiene uniti tutti noi, ricordandoci allo stesso tempo dove dobbiamo andare”.

Almeno a parole, insomma, in Ferrari regna l’armonia e la serenità. Ora, però, bisogna iniziare a portare a casa anche dei risultati in pista, altrimenti questo clima idilliaco è destinato a compromettersi molto presto.