Lutto nel mondo della moda: addio alla bionda ed iconica stilista

Giovanna Borbonese
Giovanna Borbonese (foto dal web)

È morta a soli 56 anni Giovanna Borbonese, figlia ed erede di Umberto, lo stilista che lanciò a Torino, negli anni Cinquanta, il noto marchio di borse di camoscio in occhio di pernice. Alla donna era stata di recente diagnosticata una malattia.

Il mondo della moda è in lutto: questa notte è scomparsa Giovanna Borbonese, figlia ed erede di Umberto, lo stilista che negli anni Cinquanta lanciò il noto marchio di borse di camoscio con occhio di pernice. La donna, 56 anni, aveva ereditato la fortuna del padre e da lui anche il gusto per il bello.

Morta Giovanna Borbonese: il mondo della moda in lutto

Giovanna Borbonese, 56 anni, si è spenta questa notte nella sua Torino a causa di una malattia che nel giro di poco tempo le ha portato via il bene più prezioso. La donna era figlia ed erede di Umberto Borbonese, il noto stilista che negli anni Cinquanta lanciò la linea di borse in camoscio ad “occhio di pernice“, ossia un effetto visivo che ricorda proprio l’occhio di un piccolo uccello: un puntino rotondo con al centro un punto chiaro con il fondo scuro. Giovanna Borbonese si era laureata in architettura ed aveva iniziato a lavorare presso l’azienda paterna giovanissima: da Umberto aveva ereditato non solo la fortuna di famiglia, il marchio nato nel 1910 nel capoluogo Piemontese, ma anche il gusto per il bello. A Torino, dopo la scomparsa del padre, la donna ha iniziato a gestire il negozio del marchio ormai di fama mondiale e, negli ultimi anni, si era lanciato in un nuovo progetto: aveva disegnato, infatti, una linea di cornici e oggetti preziosi per la casa. Giovanna Borbonese, come suo padre credeva fortemente nel Made in Italy e portava avanti un progetto di rivalorizzazione della moda tutta italiana. A confermarlo, riporta Fanpage, le parole di Giuseppe Di Nuccio il presidente dell’azienda, il quale tempo fa aveva dichiarato ad Affari Italiani: “All’inizio della mia avventura in Borbonese ho incontrato la proprietà e si parlò pure dell’opzione vendita del marchio all’estero. Un pensiero subito cancellato perché, dopo un innamoramento professionale, abbiamo insieme deciso di portare avanti la bellissima sfida tutta italiana che ora ci sta dando soddisfazioni”.

Leggi anche —> Lite culmina in tragedia: folle gesto contro il cugino per gelosia