Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)

Un ciclista, durante la notte scorsa, è stato ucciso da un pirata della strada identificato poche ore fa dagli inquirenti: si tratta di una giovane 28enne che ora dovrà rispondere di omicidio stradale ed altri reati.

Durante la notte a cavallo tra sabato 10 e domenica 11 agosto, a Cervia, provincia di Ravenna, si è verificato l’ennesimo e tragico incidente mortale: un giovane 25enne è stato travolto ed ucciso da un pirata della strada. Gli inquirenti, a seguito di complesse ma celeri indagini, sarebbero riusciti ad individuare il presunto colpevole, una donna di 28 anni che ora dovrà rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga da incidente con vittime.

Ciclista travolto ed ucciso da un pirata della strada: fermata una 28enne

Sarebbe stato ucciso mentre era in sella alla sua bicicletta ed il suo corpo, privo di vita, lasciato a bordo strada. Questo quanto accaduto la scorsa notte a Cervia, in provincia di Ravenna, ad un giovane di 25 anni, travolto da un’auto che dopo averlo preso in pieno non si sarebbe fermata a prestare soccorso; precisamente l’incidente si sarebbe verificato in Via Malva Sud. Stando a quanto riportato dalla redazione online di Ravenna24ore, il corpo del giovane ciclista sarebbe stato notato da un passante che alle prime luci dell’alba si è ritrovato sul luogo dell’incidente. L’uomo avrebbe avvisato immediatamente i sanitari del 118 i quali, però, giunti sul posto non hanno potuto far altro che constare il decesso del 25enne; ogni tentativo di rianimazione è stato vano. Dell’accaduto sono stati immediatamente informati i carabinieri della compagnia di Cervia e Milano Marittima i quali hanno attivato le indagini per risalire all’identità del pirata della strada che aveva travolto ed ucciso il ciclista. La caccia all’uomo si è conclusa poche ore fa: i militari hanno fermato una giovane di 28 anni che, indiziata di aver investito la vittima e non aver, peraltro, prestatogli soccorso, ora dovrà rispondere di omicidio stradale. Una serie di indagini che ha portato le forze dell’ordine a sentire numerosi testimoni che avrebbero permesso di risalire all’identità della donna.

Stando ad una prima ricostruzione, riporta Repubblica, la 28enne avrebbe investito il ciclista, lasciandolo morire sul bordo della strada, e sarebbe fuggita senza prestare soccorso, forse per paura. Raccapricciante sarebbe il dettaglio secondo cui l’auto avrebbe proseguito incessante la propria corsa nonostante la bicicletta della vittima fosse rimasta incastrata sotto al mezzo. Ci sarebbero voluti diverse centinaia di metri prima che la 28enne scendesse dal veicolo per disincastrare il velocipede e proseguire nel suo tragitto. Ora la donna dovrà rispondere di reati gravissimi: omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga da incidente con vittime. Del caso si sta occupando Pubblico Ministero di turno Antonio Vincenzo Bartolozzi.

Leggi anche —> Uomo segregato in casa: il suo aguzzino era il figlio