MotoGP, Maverick Vinales svela il ‘mistero’ dei telai Yamaha

0
7868
Maverick Vinales
Maverick Vinales (Getty Images)

MotoGP, Maverick Vinales svela il ‘mistero’ dei telai Yamaha

Maverick Vinales ha percepito miglioramenti nella sua Yamaha, merito di un miglior grip al posteriore, frutto del lavoro sull’elettronica. Al termine del venerdì austriaco chiude in seconda posizione a soli 66 millesimi da Marc Marquez: “Prendiamo il fine settimana per provare qualcosa di nuovo. Forse con una configurazione diversa possiamo guadagnare qualcosa in gara. La cosa più realistica sarà domenica in gara. Ora ci può essere molta aderenza in pista e questo ti confonde”.

Dopo l’opaca prestazione di Brno Maverick Vinales ha ripreso il feeling con la Yamaha M1, riuscendo a guidare in maniera aggressiva, anche se bisogna limare ancora due decimi sul giro. “Vedremo se riusciremo a fare un salto con l’elettronica, perché la potenza non è ancora regolata. In frenata siamo molto migliorati. Ho molto meno spin rispetto allo scorso anno e questo rende la moto molto più veloce, specialmente nel terzo settore, dove l’anno scorso ho perso quattro decimi. Ora perdo solo un decimo. Abbiamo fatto un grande salto in termini di trazione. Invece, le gomme sono diverse, hanno più grip, ma sono uguali per tutti. È difficile sapere come andrà domenica , ma abbiamo lavorato bene nella prima giornata”.

Infine Maverick Vinales chiarisce la questione dei telai all’interno del box Yamaha: “Ognuno ha il telaio di cui ha bisogno. Normalmente, io uso due telai diversi. In alcuni circuiti, uno è migliore, in altri meglio l’altro, il problema è lo stesso di sempre. Comunque, la moto funziona perfettamente. Quando non c’è grip, uno ti dà più “feeling” e un altro meno. In molte gare, io e Valentino ne usiamo uno diversa, ma nel novanta percento delle gare utilizziamo lo stesso. Questa moto – ha concluso lo spagnolo – perde tutto quando non c’è grip”.