Carabiniere ucciso: indagato un secondo militare dell’Arma

Carabiniere ucciso
La foto dell’indagato bendato e ammanettato in caserma (foto dal web)

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, un secondo carabiniere sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati nell’inchiesta sulla diffusione della foto di Christian Gabriel Natale Hjort, uno dei due indagati per l’omicidio del Carabiniere Cerciello Rega ucciso a Roma il 25 luglio scorso,bendato ed ammanettato.

Continuano senza sosta le indagini per ricostruire quanto accaduto nella notte tra giovedì 25 e venerdì 26 luglio scorso quando è stato ucciso il carabiniere Mario Cerciello Rega, assassinato nel tentativo di arrestare due giovani americani. Parallelamente gli investigatori stanno lavorando anche sulla foto di uno degli indagati bendato ed ammanettato in caserma diffusa sui social network durante le scorse settimane. Nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Roma è entrato un secondo militare dell’Arma.

Leggi anche —> Carabiniere ucciso, parla l’avvocato della vedova: cosa hanno scoperto gli inquirenti

Carabiniere ucciso, la foto di Christian Gabriel Natale Hjort bendato ed ammanettato: indagato un secondo carabiniere

La foto che ritraeva Christian Gabriel Natale Hjort ammanettato e bendato in una stanza della caserma dei carabinieri di via In Selci, a Roma, poi diffusa sul web è ancora sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti. La Procura della Repubblica di Roma sta indagando sull’immagine scattata ad uno dei due indagati per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso due settimane fa mentre era in servizio a Roma. Adesso, come riportato dalla redazione de Il Messaggero, nel registro degli indagati relativo all’inchiesta sarebbero stato iscritto un secondo carabiniere dopo l’iscrizione di un sottufficiale dell’Arma accusato di aver bendato Hjort. Si tratterebbe del militare che avrebbe scattato la foto a cui viene contestato il reato di rivelazione del segreto d’ufficio. Adesso gli investigatori stanno cercando di individuare il responsabile che ha diffuso sui social network la foto, ascoltando, come riporta Il Messaggero, decine di carabinieri in varie parti d’Italia. Proseguono anche le indagini sul fronte dell’omicidio di Cerciello Rega dopo il secondo sopralluogo dei militari dei Ris nella stanza 109 dell’Hotel Le Meridien di Roma dove alloggiavano i due americani.

Leggi anche —> Carabiniere ucciso: la chiamata costata la vita a Mario Cerciello Rega