Tumori, l’Agenzia Italiana del Farmaco approva terapia super innovativa

0
472
tumori
Arriva una importante innovazione nella ricerca contro i tumori, © Getty Images

La terapia Car-T approvata ufficialmente dalla Agenzia Italiana del Farmaco: è l’ultima innovazione per la lotta ai tumori del sangue, ma non è per tutti.

C’è una comunicazione importante che arriva dalla Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa). Riguarda il si alla rimborsabilità da parte del Servizio Sanitario Nazionale per quella che è la prima terapia a base di cellule Car-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell) in Italia. Si chiama nel dettaglio ‘Kymriah (tisagenlecleucel)’ e l’ha sviluppata Novartis. Saranno alcuni centri specialistici a poterla mettere in pratica per ora, dietro disposizione delle Regioni e per pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi celluli, che si mostreranno resistenti alle terapie già note o nei casi di recidività. Oppure in situazioni che rigurdano pazienti fino a 25 anni affetti da leucemia linfoblastica acuta (Lla) a cellule B. L’Agenzia del Farmaco spiega con maggiore precisione come le terapie Car-T possano rappresentare una vera e propria innovazione per contrastare i tumori al sangue, proprio come la leucemia.

LEGGI ANCHE –> Colesterolo alto, i disturbi a braccia e gambe ne sono una spia: i sintomi

Tumori, come funziona la terapia Car-C

Vengono impiegati globuli bianchi dal paziente stesso ed ‘ingegnerizzati’ ad arte per sollecitare l’intervento del sistema immunitario. Dopo essere stati reimmessi in circolazione, tali globuli riescono a riconoscere le cellule tumorali e le distruggono. Tale tecnica verrà messa in atto in alcuni centro specialistici da Nord a Sud in tutta Italia. Questa terapia costa diverse centinaia di migliaia di euro, e prevede il pagamento in tre tranche. Una all’infusione, una dopo 6 mesi ed un’altra dopo un anno, quando verranno vagliate anche le conduzioni di salute del soggetto malato. Il tutto dovrebbe partire al massimo entro ottobre, anche se i suddetti centri idonee sono al momento molto pochi. Ma anche i soggetti che ne vorranno fare uso verranno selezionati, perché risposte efficaci possono aversi solo in determinate situazioni, tra l’altro senza la certezza assoluta di ciò.

LEGGI ANCHE –> Farmaci ritirati, tre medicinali e ben 27 lotti: marche e data di scadenza