Sarah Scazzi, il delitto di Avetrana diventa una rappresentazione teatrale

Sarah Scazzi
Il delitto di Avetrana, che vide la povera Sarah Scazzi assassinata, diventa una rappresentazione teatrale – FOTO: tuttomotoriweb.com

Il caso dell’uccisione di Sarah Scazzi ha ispirato una opera teatrale. Il Delitto di Avetrana ispira un teatro umbro, la spiegazione di tutto questo.

Come già capitato in altri episodi di cronaca nera, anche il caso dell’uccisione della giovanissima Sarah Scazzi ha avuto una sua particolare e personalissima trasposizione. La tendenza con i media in tempi moderni è quella di spettacolarizzare situazioni del genere, che riescono ad appassionare tantissime persone anche solo nelle trasmissioni dedicate. In merito a quello che è diventato famoso come il ‘Delitto di Avetrana’, e che avvenne il 26 agosto del 2010, si registra ora la realizzazione de ‘Il Re di Donne’, una messa in scena teatrale prodotta dal locale Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Verrà messa in scena i prossimi 6, 7 e 8 settembre al ‘Caio Melisso’, con la regia di Alessio Pizzech e la partecipazione di John Palmer come responsabile delle musiche.

LEGGI ANCHE –> Monica Vitti oggi, un rarissimo scatto dell’attrice: è irriconoscibile – FOTO

Sarah Scazzi, la sua vicenda rappresentata in teatro

Si tratta proprio di una opera teatrale apertamente ispirata all’omicidio di Sarah Scazzi, evento per il quale sono state condannate in via definitiva all’ergastolo la zia e la cugina della vittima, ovvero Cosima Serrano e Sabrina Misseri. A dirigere ‘Il Re di Donne’ sarà Vittorio Parisi, il libretto è stato invece realizzato da Cristina Battocletti, autrice e giornalista. L’ambientazione però non sarà Avetrana, il piccolo comune situato in provincia di Taranto dove Sarah venne uccisa. Come location è stata infatti scelta una fittizia località ambientata in Toscana. Si parlerà di un intreccio con risvolti anche morboso a fare da filo conduttore tra i vari personaggi rappresentati. Lo stesso Teatro di Spoleto fa sapere come al contempo verrà trattato in maniera adeguata anche il purtroppo sempre attuale tema del femminicidio, come spiegato da Claudio Lepore, direttore della struttura artistica umbra.

LEGGI ANCHE –> Sabrina Salerno, oggi come allora: che splendore in bikini – FOTO