Honda, un’arma in più per regalare a Marquez l’unica vittoria che gli manca

Marc Marquez ai test MotoGP di Brno (Foto Honda)
Marc Marquez ai test MotoGP di Brno (Foto Honda)

MotoGP | Honda, un’arma in più per regalare a Marquez l’unica vittoria che gli manca

Ha già sessantatré punti di vantaggio in classifica generale. Ha vinto sei gare quest’anno, cinquanta in classe regina (come solo Valentino Rossi, Giacomo Agostini e Mick Doohan) e settantasei in tutto nel Motomondiale (come Mike Hailwood). Una persona normale si accontenterebbe, inizierebbe a giocare di rimessa e ad amministrare il margine oceanico sul quale può contare per portare a casa l’ottavo titolo iridato a fine stagione. Ma Marc Marquez no.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Non sarebbe lui, non avrebbe raggiunto numeri così impressionanti ad appena 26 anni se non andasse sempre all’attacco, incapace per costituzione di correre da ragioniere. E così, questo fine settimana, il Cabroncito è già pronto a dare il massimo, andando a caccia di uno di quei pochi traguardi che ancora mancano al suo impressionante palmares: la vittoria nel Gran Premio d’Austria.

Ducati imbattibile in Austria

Il Red Bull Ring, infatti, è l’unica pista di MotoGP sulla quale il fuoriclasse di Cervera non ha mai trionfato: in tre edizioni dall’ingresso nel calendario della pista dello Spielberg, sul gradino più alto del podio è sempre salita una Ducati. Merito soprattutto della configurazione tecnica del tracciato, che alterna brusche frenate e violente accelerazioni: l’ideale per esprimere al meglio la superpotenza del motore di Borgo Panigale.

Leggi anche -> Ultima chance per la Ducati: se non vince in Austria, per lei è la fine

Ma quest’anno i valori in campo sono cambiati, e lo si è visto per l’ennesima volta lo scorso weekend in Repubblica Ceca. Il quattro cilindri della Honda è cresciuto, a tal punto da poter competere ad armi pari con il rivale bolognese. E, dunque, ecco che improvvisamente l’idea di espugnare l’ultimo fortino in cui la Rossa è imbattuta diventa non più così impossibile per Marquez: “Io qui ho sempre faticato”, ha ammesso il diretto interessato alla vigilia del Gran Premio, “ma credo che quest’anno le cose potrebbero andare diversamente”.

Arriva il nuovo pacchetto aerodinamico Honda

La cavalleria del motore, però, non basta: l’altra arma in più che la Casa alata metterà in pista per aiutare il suo alfiere a conquistare questo successo così sfuggente è l’aerodinamica. Proprio in questo appuntamento, infatti, è pronto a debuttare il nuovo pacchetto sperimentato (insieme all’ennesima variante del telaio con i rinforzi in carbonio) nei test dopo-gara a Brno solo lunedì scorso. Regalando buone impressioni al capolista iridato: “Ha diversi lati positivi”, ha raccontato. “Le sensazioni in sella sono state buone: se i dati ci daranno le risposte che cerchiamo lo omologheremo per il Red Bull Ring”. Così è stato. E la Ducati può iniziare a tremare.

Fabrizio Corgnati