Brendon Hartley, collaudatore della Ferrari (Foto Ferrari)
Brendon Hartley, collaudatore della Ferrari (Foto Ferrari)

Formula E | Brendon Hartley, il collaudatore Ferrari tenta la fortuna in Formula E

Dalla Formula 1 alla Formula E. Brendon Hartley affiancherà al suo ruolo di collaudatore e pilota addetto al simulatore della Ferrari anche un’intera stagione da titolare nel campionato dedicato alle monoposto elettriche. Il neozelandese, già pilota ufficiale Porsche, era candidato ad un posto nel team ufficiale della Casa tedesca in Formula E, ma a lui è stata preferita la coppia formata da André Lotterer e Neel Jani. Alla fine, però, Hartley, ex portacolori della Toro Rosso fino alla passata stagione, ha trovato comunque un posto nel team Dragon Racing.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Sono felice di affrontare questa nuova sfida”, ha spiegato. “La Formula E è completamente diversa da qualsiasi altra categoria in cui ho corso, ma spero che la mia lunga esperienza in diversi campionati mi aiuterà ad imparare in fretta. Sono sempre stato un sostenitore dei circuiti cittadini e la Formula E ne ha alcuni tra i più pazzeschi in calendario. Se ci aggiungiamo alcuni tra i migliori piloti e costruttori del mondo, viene fuori un campionato emozionante in cui correre. Ho già iniziato a lavorare con il team e ho la forte sensazione che nella prossima stagione vivremo dei grandi successi insieme”.

Al suo impegno in Ferrari e alle corse in Formula E, Hartley affiancherà anche la stagione completa nel campionato del mondo Endurance (di cui è stato per due volte campione) con la Toyota. In due weekend (per la precisione quello del 14 settembre e quello del 21 marzo) è prevista una coincidenza di date tra le gare delle due categorie, e non è chiaro in quale delle due Brendon deciderà di correre.

Al suo fianco potrebbe trovare posto Jordan King, pilota di Formula 2 e di IndyCar che ha già svolto i test privati per il team Dragon. “Sono molto felice di avere Brendon alla guida di una delle nostre macchine”, ha spiegato il proprietario del team, Jay Penske. “Lui è un pilota vero, ha una combinazione unica di esperienza, intelligenza e doti di guida che gli permetteranno di massimizzare il potenziale del nuovo propulsore Penske EV-4. Ma, cosa più importante, condivide la nostra fame e la nostra determinazione a dare battaglia con i grandi costruttori che saranno nostri rivali in questa stagione”.