Carabinieri
Carabinieri (foto dal web)

Un cadavere in avanzato stato di decomposizione è stato ritrovato da un addetto alle pulizie nel centro commerciale Fiordaliso di Rozzano (Milano).

Tragico ritrovamento nel parcheggio di un centro commerciale a Rozzano, comune nella provincia di Milano. Un addetto alle pulizie del centro Fiordaliso insospettito per il cattivo odore ha deciso di andare a controllare i parcheggi sotterranei e lì ha fatto la raccapricciante scoperta. Riverso a terra vi era un cadavere in avanzato stato di decomposizione accanto a dei rifiuti. Secondo le prime informazioni l’uomo di circa 40 anni era morto da qualche giorno, forse una settimana, probabilmente per cause naturali.

Leggi anche —> Ondata di maltempo al Nord: uragano e chicchi di grandine da 2 cm – VIDEO

Rozzano, tragico ritrovamento in un centro commerciale: cadavere in avanzato stato di decomposizione

Nella mattinata di ieri, martedì 6 agosto, un addetto alle pulizie del centro commerciale Fiordaliso a Rozzano (Milano) ha fatto una terribile scoperta. L’uomo, insospettito per il cattivo odore proveniente dai parcheggi sotterranei del centro, ha deciso di andare a controllare. Giunto sul posto l’addetto alle pulizie si è ritrovato davanti ad una scena raccapricciante: un cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione accanto ai suoi effetti personali, alcuni rifiuti e del materiale ferroso. Come riportato dalla stampa locale e dalla redazione di Milano Today, l’addetto ha immediatamente lanciato l’allarme contattando i carabinieri che sono intervenuti sul luogo del ritrovamento. Dai primi accertamenti del militari dell’Arma di Corsico, sembra che il cadavere appartenga ad un italiano senza fissa dimora di circa 40 anni, ancora non identificato, e considerato lo stato avanzato di decomposizione sembra che il decesso possa essere avvenuto alcuni giorni prima del ritrovamento, probabilmente una settimana. Il 40enne, come riportato da Milano Today, avrebbe scelto i parcheggi sotterranei del centro commerciale come rifugio, dove poi è deceduto probabilmente per cause naturali. I carabinieri hanno avviato le indagini per ricostruire quanto accaduto ed identificare la vittima, le cui cause esatte del decesso verranno accertate dall’eventuale esame autoptico che ancora non è stato disposto dall’autorità giudiziaria.

Leggi anche —> Caso Serena Mollicone: la strana intercettazione rimasta inascoltata per anni