Carburante auto: come risparmiare fino a 672 euro l’anno

Benzina - Carburante

Carburante auto: come risparmiare fino a 672 euro l’anno

Molti italiani stanno per mettersi in viaggio con la loro auto e “magicamente” i prezzo salgono. Ma nel corso di tutto l’anno è possibile risparmiare sul carburante, fino a 672 euro, seguendo alcuni semplici consigli.

Accise, Iva e una rete distributiva inefficiente sono le voci che pesano di più sul prezzo finale. Ma pagare meno è possibile: secondo Altroconsumo facendo rifornimento ai self-service e ai distributori dei centri commerciali si può arrivare a risparmiare anche 672 euro l’anno. Attualmente in Italia il prezzo di benzina e gasolio è tra i più alti dell’Unione europea (13 – 15 centesimi in più al litro rispetto alla media comunitaria). Colpa soprattutto delle accise: su 10 euro spesi alla pompa di benzina, 6 euro e 30 centesimi sono tasse. Con il diesel si scende a 5 euro e 90 centesimi.

Scegliere il self-service invece della modalità servito consente di ottenere risparmi compresi tra il 5 e il 10% anche se questo non significa che il prezzo self-service di un distributore non possa essere superiore al prezzo “servito” di un altro. All’interno della stessa città i distributori dei centri commerciali offrono i prezzi più convenienti, seguiti dai marchi low-cost, che hanno un prezzo di poco superiore (2,2% in più) rispetto a quello delle stazioni nei centri commerciali. Le insegne di marca hanno prezzi più alti anche se questo non è sempre vero.

In città o in autostrada. Bisogna evitare di andare a fare benzina sulle circonvallazioni: qui il prezzo è in media superiore di quasi il 13% rispetto a quello dei distributori cittadini meno cari. E, quando è possibile, evitare di fare il pieno in autostrada, dove i prezzi sono sempre superiori rispetto alla media nazionale.