Vettel a Hamilton: “Se uno del 2000 ci batte allora dobbiamo ritirarci”

0
783
Hamilton e Vettel
Hamilton e Vettel (Getty Images)

F1 | Vettel a Hamilton: “Se uno del 2000 ci batte allora dobbiamo ritirarci”

Dopo le scaramucce di Baku 2017 con tanto di scuse da parte di Vettel, il rapporto tra Seb e Hamilton è letteralmente sbocciato. Per carità i due non escono di certo il sabato sera insieme, ma tra i due c’è un profondo rispetto. Un rispetto che non è stato intaccato nemmeno dai fatti del Canada di quest’anno con il tedesco che anche in quella occasione si spese in favore di Lewis affinché il pubblico non se la prendesse con lui.

Hamilton da par suo ha più volte difeso l’avversario, che con i suoi 4 titoli è l’unico che ha un blasone tale all’interno di questa F1 per mettersi alla pari del britannico. I due in questi ultimi mesi si sono resi protagonisti anche di simpatici siparietti a fine gara durante la conferenza.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Verstappen preso in giro da Vettel

Alla fine del GP d’Ungheria ad esempio, proprio come avvenuto durante l’ultimo GP della passata stagione i due hanno colto l’occasione per punzecchiare un po’ il più giovane del gruppetto: Verstappen.

Come riportato da “Motorsport.com”, Vettel parlando di Alonso ha scherzato con Verstappen: “Potrebbe essere tuo padre”. L’olandese a quel punto ha commentato: “Si credo ci sia vicino. Un ragazzo padre, quanti anni ha? 36? 38? A 17 anni è possibile essere padre”. A quel punto il pilota Ferrari ha subito replicato: “Parli per esperienza personale?”

Verstappen allora ha proseguito: “A me non risulta”. A quel punto è sceso in pista Hamilton: “Quanti anni hai ora?”. Il pilota della Red Bull a quel punto ha subito risposto: “Ne ho 21”. Lewis allora scherzando ha detto che tra i giornalisti almeno non era il più vecchio. A quel punto allora l’olandese ha chiesto quanti avesse e l’inglese ha detto: “34, quasi 35”. A quel punto allora Vettel si è rivolto ad Hamilton: “Senti che ti dico, il giorno in cui verremo battuti da qualcuno nato dopo il 2000 allora vorrà dire che è tempo di andare”. Max subito ha commentato: “Tranquilli ragazzi, non sono così giovane”.

Antonio Russo