Prima la lite in strada, poi il folle gesto: la scena è raccapricciante

0
860
Polizia Ambulanza
(foto dal web)

Un ragazzo 26enne marocchino ha ucciso la scorsa notte il padre in strada a coltellate a Montignoso. Raccapricciante la scena che si sono ritrovati davanti i soccorsi con la vittima riversa a terra con il coltello ancora piantato nel petto.

Dramma nella notte a Montignoso, comune di circa 10mila abitanti della provincia di Massa-Carrara. Un giovane marocchino di 26 anni, al culmine dell’ennesima lite, ha ucciso il padre colpendolo con numerose coltellate. L’omicidio sarebbe avvenuto sotto l’abitazione dei due, in un parcheggio di via Carlo Sforza intorno alle 22:30. Dopo aver ucciso il genitore, il 26enne è fuggito a torso nudo facendo perdere le proprie tracce. Sul posto sono sopraggiunti i soccorsi del 118 che non hanno potuto far nulla per la vittima, Abdel Huad Buden, 62 anni, ritrovato dal personale medico con ancora il coltello piantato nel petto. Intervenuti anche le forze dell’ordine che hanno dato inizio alle ricerche dell’assassino non ancora rintracciato.

Montignoso, ragazzo uccide il padre in strada a coltellate e poi fugge: è caccia all’uomo

Ha ucciso il padre con numerose coltellate e poi è sparito nel nulla facendo perdere le proprie tracce. Questo è quanto fatto da un giovane marocchino di 26 anni, Moassin Buden, durante la scorsa notte, lunedì 5 agosto, a Montignoso, comune in provincia di Massa-Carrara. Secondo una prima ricostruzione riportata dalla stampa locale e dal quotidiano La Nazione, il 26enne, al culmine dell’ennesima lite con il genitore, Abdel Huad Buden di 62 anni, lo ha aggredito uccidendolo a coltellate nel parcheggio sotto casa in via Carlo Sforza, poi è fuggito a torso nudo ancora insanguinato. A lanciare l’allarme sarebbero stati i vicini preoccupati per le urla provenienti dal parcheggio. Immediatamente sul posto sono arrivati i soccorsi che non hanno potuto far nulla per il 62enne, ritrovato, come riporta La Nazione, con ancora il coltello infilzato nel petto. Una scena raccapricciante a cui hanno assistito diverse persone, tra cui i familiari della vittima, radunatisi nel parcheggio. Sul luogo della tragedia anche le forze dell’ordine, carabinieri, Guardia di Finanza e polizia, che hanno avviato le ricerche del 26enne, il quale non sarebbe stato ancora rintracciato, e le indagini per ricostruire quanto accaduto. La salma del 62enne è stata trasferita all’obitorio dove verrà eseguita l’autopsia disposta dall’autorità giudiziaria.

Leggi anche —> Tragedia sull’autostrada: due morti