Mick Schumacher festeggia la vittoria in Formula 2 all'Hungaroring (Foto Charles Coates/Getty Images)
Mick Schumacher festeggia la vittoria in Formula 2 all’Hungaroring (Foto Charles Coates/Getty Images)

F1 | La vittoria che lancia Mick Schumacher verso il grande salto in Formula 1

Una vittoria con vista sulla Formula 1. Mick Schumacher ha ribaltato un inizio della sua stagione di debutto in Formula 2 finora al di sotto delle aspettative con il suo primo successo nella serie cadetta. Se prima della tappa ungherese in molti si chiedevano se avesse effettivamente i numeri per fare il grande salto nella categoria regina dell’automobilismo, l’erede del grande Michael Schumacher ha risposto a tutti loro con i fatti, cogliendo il suo primo trionfo che lo lancia dritto verso la promozione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Solo il tempo ci dirà se passerò in Formula 1”, ha affermato il 20enne tedesco. “Ma questa è una vittoria che mi aiuterà a crescere”. Mentre suo padre, il sette volte campione del mondo, rimane convalescente nella sua villa in Svizzera, in Ungheria a festeggiare con il giovane Mick erano presenti invece la mamma Corinna e la sorella Gina Maria. “Una sensazione speciale”, l’ha definita il campione europeo in carica di Formula 3, in particolare perché il successo è arrivato proprio all’Hungaroring, un circuito sul quale il padre vinse ben quattro volte.

Mick Schumacher e il sogno Formula 1

“Un po’ come quando vinsi in F3 a Spa, un’altra pista importante per mio papà”, ha spiegato al Corriere della Sera. Se sia già pronto per passare in F1 o se prima gli serva un’altra stagione in F2 resta tutto da vedere: “Un passo alla volta”, frena l’allievo della Ferrari Driver Academy. “Io penso gara per gara. Essere figlio d’arte può aprirmi delle porte in Formula 1, ma devo comunque dimostrare le mie doti e devo lavorare molto su me stesso. Se andrò in F1 l’anno prossimo o tra due anni, o forse tre non lo so. Sicuramente darò il massimo per cercare di imparare il più possibile, in modo da essere pronto quando farò il passo e sentirmi a mio agio in qualsiasi squadra andrò”.

Leggi anche -> Schumacher e Leclerc, sarà la coppia del futuro Ferrari?

Alcuni addetti ai lavori, in compenso, si sono già convinti, come Laurent Mekies, direttore sportivo della Ferrari e capo della Academy: “È sulla strada giusta”, ha affermato alla Gazzetta dello Sport. “Se guardiamo il percorso che ha compiuto fin qui, vediamo che è possibile: in F4 il secondo anno ha fatto il salto (arrivò secondo, ndr), in F3 nella seconda stagione ha conquistato il titolo. Qui ha già vinto una gara nella sua prima stagione”. E il suo attuale team principal alla Prema in Formula 2, René Rosin, mette in chiaro: “A fine stagione ci metteremo attorno a un tavolo e vedremo”.

Fabrizio Corgnati