MotoGP, test Brno: il nuovo motore Yamaha non soddisfa Valentino Rossi

0
1791
valentino rossi
Valentino Rossi nel test MotoGP di Brno (Getty Images)

C’era grande attesa per il test MotoGP di Brno, dato che Yamaha portava una M1 con un nuovo motore in ottica 2020. Non una versione definitiva, ovviamente, ma comunque un primo step.

Sul prototipo abbiamo visto anche un nuovo telaio e un nuovo codone. La casa di Iwata ha cercato di fornire a Maverick Vinales e a Valentino Rossi una prima base sulla quale poi proseguire lo sviluppo per il futuro. I piloti si aspettavano soprattutto una maggiore potenza e una migliore erogazione da parte del nuovo propulsore, ma sembra che siano rimasti un po’ delusi.

MotoGP, test Brno: Valentino Rossi si aspettava di più dalla Yamaha

Rossi nelle sue dichiarazioni post-test non ha nascosto la necessità di avere qualcosa di meglio rispetto alla Yamaha M1 guidata oggi: «Il nuovo motore dà qualcosina in più – ha dichiarato a Motorsport ma a noi servono cose più grandi. Non è molto migliore di quello attuale. Comunque non mi aspettavo tanto, questo è solamente il primo step e avremo altro nei prossimi test. Abbiamo testato una carenatura diversa per cercare di avere meno impennata. Penso che a Misano sarà un test importante perché avremo qualcos’altro. E poi aspetteremo quelli di novembre e dicembre».

Il prototipo utilizzato oggi aveva novità di carenatura, codone, sella e anche una diversa distribuzione dei pesi. Valentino non ha notato troppe differenze rispetto alla Yamaha attuale e questo è un segnale che a Iwata c’è ancora molto da fare. Serve un passo avanti netto, altrimenti Honda e Ducati continueranno ad essere lontane.

Oltre a lavorare sulla prima versione 2020, il Dottore e Vinales hanno continuato a impegnarsi anche sull’attuale M1: «Abbiamo trovato qualcosa di interessante nella messa a punto che potrebbe servire anche in Austria. Nel complesso un giorno positivo». Nel prossimo weekend la MotoGP va a Spielberg su un circuito non favorevole alla Yamaha, dato che lì serve avere motore e la M1 ha un deficit in quanto a potenza. Sarà un gran premio difficile.