Orrore per una giovane madre di due figli: arrestato l’ex compagno

stupro ragazza
(foto dal web)

Una giovane donna 28enne è stata segregata e violentata in un appartamento di Foligno dall’ex compagno albanese che è stato arrestato dalla polizia.

Orrore a Foligno dove una donna è stata rinchiusa in un appartamento ed ha subito violenze sessuali per tre giorni dal suo ex compagno. A mettere fine alle violenze è stata la stessa vittima, una giovane 28enne madre di due figli, che pur di sottrarsi al proprio aguzzino si è lanciata dall’auto mentre si trovava nel parcheggio del centro outlet di Castel Romano allarmando le persone presenti, le quali sono subite intervenute traendola in salvo. Sul posto sono immediatamente arrivati gli agenti della polizia che si sono messi immediatamente alla caccia dell’uomo, fuggito dopo l’intervento dei presenti e rintracciato poco dopo dalle forze dell’ordine.

Foligno, segregata e violentata per tre giorni: in manette l’ex compagno

Un’agghiacciante storia arriva da Foligno, dove una donna ha subito violenze sessuali per tre giorni dopo essere stata rinchiusa in un appartamento. La vittima, una donna di 28 anni, madre di due figli, secondo quanto riportato dalla stampa locale e dalla redazione di Tgcom24, sarebbe stata prelevata con forza da Siena dal suo ex compagno, un cittadino albanese di 30 anni, e portata a Foligno. Nel capoluogo di provincia umbro, la 28enne sarebbe stata poi segregata in un appartamento dove ha subito violenze sessuali per tre giorni. Successivamente la donna sarebbe stata condotta presso il centro outlet di Castel Romano (Roma), dove per la disperazione e per fuggire al suo aguzzino si sarebbe lanciata dall’auto allarmando i presenti. L’uomo per far desistere l’ex compagna l’ha colpita con calci e pugni, ma le persone intervenute, tra cui alcune guardie giurate, l’hanno tratta in salvo. Sul posto, come racconta la redazione di Tgcom24, sono arrivati gli agenti della polizia del commissariato di Spinaceto a cui la donna ha raccontato quanto subito. Il 30enne, irregolare in Italia, con a carico un ammonimento del Questore di Perugia, si è dato alla fuga, ma poco dopo è stato rintracciato ed arrestato e portato in carcere con le accuse di sequestro di persona, violenza sessuale, minacce e lesioni. La vittima è stata invece portata in ospedale per le cure del caso.

Leggi anche —> Carabiniere ucciso: “Servono protocolli chiari, leciti, legali e tassativi”