MotoGP, Marc Marquez conquista un altro record storico

0
337
Marc Marquez nel giro della pole position del Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno (Foto MotoGP)
Marc Marquez nel giro della pole position del Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno (Foto MotoGP)

MotoGP | Marc Marquez conquista un altro record storico

Marc Marquez senza freni sull’asciutto, sul bagnato e anche in condizioni miste. Non ci sono record che gli resistono. Marc Márquez continua a frantumare tutti i numeri storici della classe MotoGP. Lo spagnolo non ha rivali in pista e fuori.

La sua ultima impresa è stata firmata sabato 3 agosto sul tracciato di Brno. Il fenomeno di Cervera ha raggiunto una storica pole position in condizioni di pista assai difficili per chiunque. La Honda ha rischiato di cambiare all’ultimo momento le gomme da pioggia per mettere le gomme asciutte, approfittando che la pista si stava asciugando. Eccezion fatta per le ultime due curve, dove non solo era bagnato, ma ha ripreso a piovere nelle fasi finali.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Marc Márquez ha avuto bisogno di un solo giro per riuscire a posizionarsi in prima posizione nella Q2 di Brno, frantumando il tempo di Jack Miller. Tuttavia non si è accontentato e ha segnato tutti i settori del layout ceco in rosso per migliorare ancora una volta il suo tempo, rifilando un gap di 2.524″ a Miller.

L’attuale campione del mondo MotoGP ha così raggiunto la sua sesta pole position dell’anno. Non solo raggiunge il record storico di Mick Doohan nella categoria regina toccando quota 58 pole. Da oggi Marc Márquez detiene il record per la massima distanza dal secondo classificato in una sessione di qualifiche. Il campione della Repsol Honda ha sottratto questo record ad Aleix Espargaró. che nel 2014 ad Assen ha conquistato la pole con una distanza di 1.405″ sullo stesso Marc Márquez. Prima di allora questo record era detenuto da Valentino Rossi, quando con la pole position di Jerez nel 2002 rifilò un distacco di 1.339 ad Alex Barros.