Contrae maxi debito con il fisco: famoso ex calciatore nei guai

Ronaldinho
Ronaldinho (Getty Images)

L’ex stella di Barcellona e Milan, Ronaldinho sarebbe finito nei guai per il mancato pagamento di una multa da circa 2 milioni di euro.

Il famoso ex calciatore brasiliano Ronaldinho sembra essere finito nei guai. Secondo la stampa brasiliana, l’ex stella di Barcellona, Milan e Paris Saint Germain dopo il mancato pagamento di una multa da 2 milioni di euro comminata per un presunto abuso edilizio è stato privato dei passaporti in modo da impedirgli di lasciare il Brasile. Inoltre l’autorità dello stato dell’America del Sud, avrebbe anche bloccato ben 57 proprietà appartenenti a Ronaldinho, il quale avrebbe già contattato il proprio legale che ha fatto appello per la restituzione di uno dei due passaporti.

Leggi anche —> Calciomercato, scontro Juventus-Inter per Icardi: Wanda Nara non c’entra nulla

Debiti per milioni di euro: revocati i passaporti e bloccate le proprietà di Ronaldinho

Problemi per uno degli ex giocatori più famosi e considerato tra i più forti al mondo. Ronaldo de Assis Moreira, meglio noto come Ronaldinho, che ha appeso gli scarpini al chiodo nel gennaio 2018, sarebbe finito nei guai per il mancato pagamento di una multa. Come riportato dalla stampa brasiliana e dalla redazione de Il Corriere dello Sport, il Ministero del Tesoro ha deciso di ritirare all’ex fantasista di Barcellona, Milan e Paris Saint Germain i due passaporti (brasiliano e spagnolo) per evitare che possa lasciare il paese. Inoltre le autorità avrebbero bloccato 57 proprietà dell’ex giocatore. All’origine della decisione ci sarebbe il mancato pagamento di una multa del valore di circa 2 milioni di euro comminata per danni ambientali e abusi edilizi e richiesta dal 2012. La sanzione, come riporta il quotidiano Folha de Sao Paulo ed Il Corriere dello Sport, era arrivata in seguito alla costruzione nel 2009 da parte di Ronaldinho, insieme al fratello, di immobili, un ponte di circa 142 metri, poi scoperto essere abusivo all’interno di un’area protetta. In seguito alla decisione del Ministero, l’ex giocatore ha già contatto il proprio avvocato, il quale ha presentato appello per cercare di riavere almeno il passaporto spagnolo.

Leggi anche —> Icardi valuta una destinazione: Wanda ha scelto una villa dove andare a vivere