MotoGP, Rossi punge Marquez: “Mi comporto diversamente in pista”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi miglior pilota Yamaha nelle particolari qualifiche MotoGP in Repubblica Ceca. Settima posizione conquistata dal Dottore, che come gli altri colleghi ha incassato un grande ritardo da Marc Marquez.

Le condizioni miste asciutto-bagnato sono sempre insidiose per tutti. Domani in gara dovrebbe esserci il sole a Brno e dunque sarà interessante vedere i valori in pista. Rossi spera di conquistare un buon risultato, visto che viene da alcuni GP difficili e ha bisogno di riscattarsi.

MotoGP, Qualifiche Brno: il commento di Valentino Rossi

Rossi al termine delle Qualifiche MotoGP in Repubblica Ceca si è concesso ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole sul risultato odierno: «In queste condizioni siamo un po’ in difficoltà, ci servirebbe un po’ più di asciutto per mettere le slick. Ci avevo pensato e ho visto anche altri che le montavano, però ho deciso di continuare con le rain perché altrimenti non ce l’avrebbero fatta a migliorare. Infatti con le gomme da bagnato sono riuscito a fare un po’ meglio e almeno sono in terza fila».

Valentino ambiva a conquistare un piazzamento migliore, ma si accontenta e ora si concentra col team sui miglioramenti da fare in ottica gara: «Speravo di partire in seconda fila e non ce l’ho fatta per un decimo. Non sono soddisfattissimo. Però queste condizioni sono le peggiori per noi, solitamente soffriamo e dunque partire settimo in terza fila non è male. Ero più contento in FP3, visto che col bagnato vero ero quinto, poi nel pomeriggio abbiamo fatto modifiche e non ero troppo veloce. Speriamo che in gara sia asciutto, ci sono tante cose da fare. Oggi dovevamo provare diverse cose, ma questa giornata non è servita quasi a niente».

In conferenza stampa è stato chiesto a Rossi dell’episodio che ha visto coinvolti Marc Marquez e Alex Rins nelle qualifiche. Il pilota Honda ha un po’ ostacolato il collega e tra i due c’è stata qualche scintilla fino al rientro in pit-lane. Ecco le sue considerazioni: «Io e Marquez siamo un po’ diversi soprattutto per come nella nostra carriera ci siamo comportati dentro la pista. Io dentro mi sono sempre comportato molto diversamente da lui, poi a me magari piaceva di più fuori dalla pista (ride, ndr)… Hanno sempre detto che facevo giochi psicologici, ma penso che quello che conta è quanto vai forte. Se sei quello che va più veloce, è lì che fa la differenza. Il resto lascia il tempo che trova». Frecciatina al poleman di giornata e leader dell’attuale campionato MotoGP. Ci sarà una risposta? Vedremo…