Il venerdì nero di Pecco Bagnaia a Brno: “Mai andato così male” (VIDEO)

0
70
Pecco Bagnaia nei box della Pramac a Brno (Foto Pramac)
Pecco Bagnaia nei box della Pramac a Brno (Foto Pramac)

MotoGP | Il venerdì nero di Pecco Bagnaia a Brno: “Mai andato così male” (VIDEO)

Solo ieri, alla vigilia della ripresa delle ostilità della MotoGP dopo le ferie estive, Pecco Bagnaia dichiarava la sua volontà di tirare una riga sulla prima metà della sua stagione di debutto in classe regina, e di ripartire da zero. Questa sua volontà dovrà attendere almeno un’altra giornata, perché non soltanto nel venerdì di prove libere del Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno non ha espresso alcun segnale di miglioramento, ma ha addirittura messo in mostra la sua prestazione peggiore dell’anno.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Nella sessione della mattinata, il pilota piemontese è caduto nei minuti finali dalla sua Ducati ed è stato costretto a cambiare moto; nel turno del pomeriggio è andato ancora peggio, perché non essendo mai riuscito a trovare il giusto feeling con la sua Desmosedici, il portacolori della Pramac ha chiuso addirittura ad oltre due secondi dal miglior tempo di oggi (quello del francese Fabio Quartararo), con l’ultima posizione. Una delusione difficile da buttare giù per Pecco, che sa di avere la possibilità per fare molto meglio di così, ma è costretto a cercare ancora la soluzione ad un problema di base che non è riuscito a identificare.

“Questo è il peggior venerdì della stagione”, dichiara senza mezzi termini un frustrato Bagnaia. “Dopo le gare al Mugello e a Barcellona in cui sentivo di avere un buon feeling, non siamo più riusciti a trovare la strada giusta. Il distacco è troppo ampio per le mie potenzialità e per quelle della moto. Lavoreremo molto”.

Miller migliore delle Ducati

Bilancio diametralmente opposto quello del suo compagno di squadra Jack Miller, che invece conquista la terza posizione con lo stesso identico tempo del pilota ufficiale Andrea Dovizioso, laureandosi dunque migliore delle Ducati. “È stata una giornata molto positiva ed è stato bello trovare subito il feeling dopo due gare su circuiti non facili per noi”, racconta l’australiano. “Siamo veloci sia sul passo gara che sul giro secco ed anche le gomme hanno funzionato molto bene, malgrado le condizioni del circuito non siano le migliori”.