Daniel Ricciardo (©Getty Images)

F1 | Polemica tra i piloti Renault. Ricciardo risponde a Hulkenberg

Mentre Nico Hulkenberg nei giorni scorsi aveva suonato la sveglia pubblicamente, puntando il dito contro la Renault accusata di aver fatto davvero poco per recuperare terreno sulla diretta concorrenza di centro gruppo, Daniel Ricciardo, un po’ perché appena arrivato, un po’ in quanto interessato a mantenersi saldo il posto, si è presentato davanti ai media sostenendo esattamente l’opposto.

Quello che sto vivendo in questa squadra è il contrario di quello che mi capitava alla Red Bull, dove il telaio veniva sviluppato rapidamente e la power unit in ritardo. Adesso invece sono davvero felice di come vedo lavorare sul motore. Sono stati fatti enormi progressi e miglioramenti“, ha sostenuto a Motorsport.com lanciando la solita frecciata al team che l’ha cresciuto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sul fronte chassis siamo riusciti a trovare qualcosa per renderlo più efficiente da inizio stagione, ma niente di particolare. E’ ovvio comunque che da pilota ci si auguri qualcosa di più“, la sua risposta al tedesco, protagonista di un incidente nel corso del complicato GP di Hockenheim dello scorso weekend. “Finché non ci si vede in cima alla tabella dei tempi si desidera sempre di più“.

E’ evidente che ci si aspettasse di più dalle novità introdotte a Le Castellet, per cui all’interno della scuderia si è creato un po’ il senso di non essere stati capaci di fare una buona prestazione, in ogni caso, senza essere troppo gentili, non essendo in grado di produrre io stesso un alettone, non mi sento di dire ai ragazzi “che diavolo state facendo?” Cerco soltanto di avere fiducia che i prossimi upgrade funzioneranno meglio“, la frecciata al compagno di box.

Infine sul suo 2020 il driver di Perth ha affermato: “Se verrà rispettato il contratto in essere dovrei restare. Tutti sapevamo che questo sarebbe stato un anno difficile. Io continuo ad essere ottimista e a credere in questo progetto“.

Chiara Rainis