Helmut Marko (©Getty Images)

F1 | Le previsioni di Marko: “Sarà lui a vincere il mondiale 2019”

Se ad inizio stagione aveva promesso almeno 5 successi di gara targati Red Bull, adesso il talent scout del team austriaco Helmut Marko ha alzato l’asticella predicendo che sarà proprio uno dei suoi piloti ad aggiudicarsi la coppa più prestigiosa del 2019.

Convinto che in tempi brevi la Honda sarà in grado di chiudere il suo gap prestazionale rispetto al motore Mercedes, per il 75enne di Graz a vincere il titolo sarà Verstappen, al top in due degli ultimi tre GP disputati in Austria e in Germania.

Personalmente non lo escluderei, ha affermato ad Auto Motor und Sport. “In Francia avremmo dovuto fare meglio, ma gli aggiornamenti portati dalla Casa di Sakura non hanno funzionato come ci saremmo aspettati Sono stati un po’ troppo conservativi con la PU aggiornata. Tuttavia a Zwelteg siamo riusciti a mettere tutto assieme per la prima volta e ad Hockenheim le Frecce d’Argento hanno dimostrato di essere inclini all’errore non appena le si mette sotto pressione“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A proposito della distanza dai tedeschi in termini di potenza del propulsore, Marko ha minimizzato: “Ormai non è più molta. Credo meno di due decimi a Silverstone e ancora di meno in Germania se non ci fossero stati alcuni problemi. Ad ogni modo la direzione è quella giusta“.

A Monza potremo godere di un upgrade e dalla Russia riceveremo un nuovo carburante, quindi c’è da aspettarsi molto dalla RB15“, ha rilanciato quasi come una minaccia alla Ferrari, che al momento sembra andare a avanti con fatica.

infine sulla possibile uscita dalla squadra del suo pupillo Mad Max, l’ex driver ha confidato: “Non credo ci sia bisogno di inviargli ulteriori segnarli. Per noi è nettamente migliorato quest’anno. E’ più disciplinato e valuta con più attenzione il rischio e la gestione gomme. Nei ruota a ruota è quasi perfetto a differenza dei due della Mercedes che non sono abituati a combattere“.

Chiara Rainis