Formula 1, un altro ingegnere della Ferrari passa alla cugina Alfa Romeo

La monoposto della Alfa Romeo in pista (Foto Alfa Romeo)
La monoposto della Alfa Romeo in pista (Foto Alfa Romeo)

F1 | Un altro ingegnere della Ferrari passa alla cugina Alfa Romeo

Tecnici che vanno, tecnici che vengono. La Alfa Romeo completa la ristrutturazione del suo reparto ingegneristico, innescata dal ritorno alla Ferrari del suo ex direttore tecnico Simone Resta, arrivato in prestito proprio dal Cavallino rampante un anno fa. E, per un uomo che riprende la via di Maranello, ce n’è un altro che la Rossa concede invece in cambio ai cugini del Biscione: si tratta di Alessandro Cinelli.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il 44enne romano ha lavorato nel corso degli ultimi diciassette anni proprio alla Ferrari, prima come aerodinamico della squadra test e della squadra corse, poi come responsabile del gruppo prestazioni aerodinamiche e infine del gruppo sperimentale sull’aerodinamica. Prima di approdare alla Scuderia, aveva avuto esperienze anche con due team inglesi, la Tyrrell e la Williams, accumulando dunque un totale di ben ventidue anni di lavoro in Formula 1.

Filo diretto tra Ferrari e Alfa Romeo

Alessandro Cinelli sarà il nuovo responsabile dell’aerodinamica alla Alfa Romeo, prendendo il posto del suo predecessore Jan Monchaux che è stato recentemente promosso a direttore tecnico per sostituire, appunto, Simone Resta. “Sono davvero emozionato della mia nomina e non vedo l’ora di affrontare la sfida di dirigere un gruppo di persone estremamente talentuose”, ha commentato l’ingegnere italiano. “Mi unisco a questa squadra giovane con la missione di costruire sulle solide fondamenta che sono già state gettate e di aiutare ad ottenere risultati in pista. Sono fiducioso che potremo continuare nella direzione giusta e accrescere ulteriormente i successi della squadra”.

Aggiunge il team principal Frederic Vasseur: “Sono felice di accogliere Alessandro alla Alfa Romeo. Si unisce ad uno staff aerodinamico molto valido e siamo impazienti di vederli continuare il buon lavoro svolto finora. Le nomine recenti dimostrano la nostra volontà di rafforzare le strutture e rappresentano un’evoluzione, non una rivoluzione, del sistema che ci ha aiutato a progredire negli ultimi anni”.