MotoGP, Suzuki senza main sponsor: Brivio svela i retroscena

0
595
Getty Images

MotoGP, Suzuki senza main sponsor: Brivio spiega i retroscena

La maggior parte dei team della classe regina ha un main sponsor il cui nome compare al centro della livrea. Ad esempio, Honda lavora con Repsol e Red Bull. Yamaha si affida a Monster Energy. Ducati ha una collaborazione con Philip Morris (“Mission Winnow”) e Aprilia si affida, tra gli altri, a Sky Q. Suzuki non ha il logo di un importante sponsor principale sulla carenatura, perché Ecstar è la divisione lubrificante di Suzuki.

Prima del ritiro aveva il noto marchio Rizla. Invece dopo il ritorno in MotoGP nel 2015 Suzuki non ha trovato uno sponsor principale (oltre a non avere ancora un team satellite). I recenti successi di Alex Rins dovrebbero rendere il marchio teoricamente attraente. “Sì, è un po’ un dilemma”, risponde il team manager Suzuki Davide Brivio a ‘Motorsport-Total.com ‘. “Quando abbiamo iniziato questo progetto, volevamo promuovere il marchio Suzuki – Suzuki non vende solo motociclette, ma automobili, motori marini e così via. Questo progetto è stato perfetto, promuoviamo il nostro marchio e i colori Suzuki e il nostro blu è diventato un marchio”, sottolinea il team manager italiano. “Usiamo anche il nostro design per i modelli di produzione perché vendiamo molte motociclette in questo design in tutto il mondo, quindi la MotoGP ha promosso il nostro marchio e il nostro prodotto”.

Perfino Yamaha ha gareggiato per anni senza sponsor principale e ha perseguito lo stesso pensiero di Suzuki. Con il calo delle vendite mondiali di motociclette Superbike, la MotoGP è diventata una vetrina pubblicitaria per l’immagine del marchio e la tecnologia di tutti i produttori. Ma non è necessario che Suzuki rimanga senza sponsor principale, per questo motivo Davide Brivio apre le porte a potenziali investitori. “Siamo aperti ai potenziali sponsor, qualora dovessero venire. Finora, non c’è stata l’occasione giusta, deve essere una partnership giusta in cui siamo felici con il partner, l’accordo, ecc. Per il futuro, siamo aperti a considerarlo”.