Hyundai Kona esplode in un garage: le cause sono sconosciute

0
186
(websource)

Il litio ci ha offerto la batteria più efficiente fino ad ora, ma è anche molto infiammabile.

Questo è il motivo per cui qualsiasi situazione di incendio con un’enorme batteria agli ioni di litio può essere molto difficile da spegnere.

Il caso più recente viene dal Canada. Più specificamente da Île-Bizard, Montreal. E si tratta di un veicolo che non aveva presentato alcun problema simile fino ad ora, la Hyundai Kona Electric.

(Image by Motor1)

Piero Cosentino l’aveva acquistata lo scorso marzo. Il 26 giugno, stava per pranzare quando ha sentito un’esplosione e l’allarme antincendio è scattato. Dalla porta che conduce al suo garage arrivava un denso fumo nero.

Non appena l’ho visto, ho immediatamente spento l’interruttore“, ha detto a CBC. “Il mio primo istinto è stato quello di uscire e correre fuori, così non ho dovuto aprire le porte e alimentare il fuoco“. Cosentino ha poi iniziato a combattere il fuoco con l’aiuto di un tubo da giardino mentre aspettava i vigili del fuoco.

Solo in quel momento ha potuto vedere l’entità del danno. L’esplosione aveva scaraventato la porta del suo garage dall’altra parte della strada. Parte del tetto del garage era andato giù.

(Image by Motor1)

Circa 30 uomini sono riusciti a spegnere il fuoco. Louise Desrosiers, capo divisione dei Vigili del Fuoco di Montreal, ha detto di non aver trovato altre possibili cause dell’incendio, a parte la Hyundai Kona.

Si trattava di un veicolo completamente elettrico, e non c’era niente in giro che potesse causare l’esplosione. Continueremo ad indagare […..] a stretto contatto con la proprietaria per capire il problema in previsione di altri casi”, ha detto a Radio Canada, che ha anche scattato le foto di questo articolo.

La storia diventa ancora più strana. Cosentino sostiene che la sua Kona non era in carica. E che non era nemmeno collegato a una presa di corrente.

Dovremo aspettare che l’inchiesta per determinare cosa ha causato l’incidente. Sia Cosentino che i suoi vicini potranno tornare nelle loro case solo quando l’analisi strutturale sarà conclusa.