Attentato in Sardegna
(foto dal web)

Doppio attentato nel cuore della notte in Sardegna: un’esplosione ha distrutto una sede del Partito Democratico a Dorgali (Nuoro), mentre a Cardedu (Nuoro) è stata incendiata l’auto del sindaco Matteo Piras.

Durante la scorsa notte un doppio attentato si è consumato in provincia di Nuoro. Intorno alle 2 un’esplosione ha distrutto una sede del Partito Democratico a Dorgali, provocando gravi danni strutturali all’edificio. Un’ora più tardi, a Cardedu, a circa 80 chilometri di distanza è stata incendiata l’auto del sindaco Matteo Piras di 40 anni. In entrambi i casi sono intervenuti i vigili del fuoco locali che hanno domato le fiamme e messo in sicurezza la zona ed i carabinieri che stanno indagando per individuare i responsabili.

Va be.. Cambiamo la macchina.

Pubblicato da Matteo Piras su Lunedì 29 luglio 2019

Doppio attentato in Sardegna: esplosione in una sede Pd a Dorgali, incendiata l’auto del sindaco a Cardedu

Alle due della scorsa notte, una forte esplosione ha distrutto la sede del Partito Democratico a Dorgali (Nuoro). Secondo quanto riportato dalla redazione de La Repubblica, la deflagrazione, provocata da una bombola Gpl all’interno, ha divelto le finestre e le tapparelle e causato gravi danni strutturali all’edificio. La potente onda d’urto ha colpito un’auto parcheggiata raggiunta da detriti e pezzi di cemento, ma fortunatamente non si sono registrati feriti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno domato le fiamme e messo in sicurezza l’area, ed i carabinieri della compagnia di Siniscola che hanno avviato le indagini e gli accertamenti sul caso. Circa un’ora e mezza più tardi, intorno alle 3:30, a Cardedu, a circa 80 chilometri di distanza da Dorgali, è stata incendiata l’auto del sindaco Matteo Piras. Anche in questo caso è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco hanno spento le fiamme. Piras su Facebook ha pubblicato la foto dell’auto, un’Audi A4, avvolta dalle fiamme scrivendo: “Va be. Cambiamo macchina…“. Su entrambi gli attentati è intervenuto Segretario nazionale del Partito Democratico e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che su Facebook ha scritto: ” Se fosse confermato l’atto doloso ci troveremmo ancora di fronte ad un gravissimo attacco ad un circolo del Pd, a Dorgali. Massima vicinanza ai nostri iscritti. Chiediamo di fare piena luce su questa ennesima intimidazione. Sicurezza vuol dire prevenire la violenza, non avvelenare i pozzi come avviene ormai di frequente. Al Sindaco di Cardedu va la nostra solidarietà per il gravissimo gesto intimidatorio “.

Leggi anche —> Terrificante incidente stradale: giovane madre perde la vita

Se fosse confermato l'atto doloso ci troveremmo ancora di fronte ad un gravissimo attacco ad un circolo del Pd, a…

Pubblicato da Nicola Zingaretti su Martedì 30 luglio 2019