Superbike, tensione Razgatlioglu-Kawasaki dopo Suzuka: futuro in Yamaha?

0
470
toprak razgatlioglu superbike
Toprak Razgatlioglu (©Getty Images)

Il futuro di Toprak Razgatlioglu non è stato ancora deciso. Il suo contratto per correre nel team Puccetti in sella alla Kawasaki scade a fine 2019 e una decisione per il 2020 non è stata ancora presa.

Alla struttura guidata da Manuel Puccetti non dispiacerebbe proseguire il rapporto con il pilota, che però ha l’ambizione di correre da ufficiale. Le opportunità per lui sarebbero l’approdo nel team factory Kawasaki oppure in quello Yamaha. Il suo mentore e manager Kenan Sofuoglu è al lavoro per studiare l’opzione migliore e firmare un accordo.

Superbike 2020, Razgatlioglu lascia Kawasaki per Yamaha?

L’ultimo weekend potrebbe aver allontanato Razgatlioglu dalla Kawasaki per avvicinarlo alla Yamaha. In Giappone si è disputata la celebre 8 Ore di Suzuka e lui faceva parte del dream team della casa di Akashi assieme a Jonathan Rea e Leon Haslam. Proprio questa squadra ha vinto la corsa, ma Toprak non ha gareggiato.

Il fatto di non aver potuto mettersi alla prova ha reso scontento il pilota turco, rimasto a guardare per otto ore i compagni. Il commento sulla sua storia Instagram fa trapelare la sua delusione per non aver corso: «Mi voglio congratulare con Jonathan Rea e Leon Haslam per aver fatto una grande battaglia alla 8 Ore di Suzuka. Mi congratulo anche con Kawasaki per aver vinto il trofeo dopo 26 anni. Per è veramente difficile sorridere alla fine, i miei compagni capiscono come mi sono sentito durante la gara. Voglio ringraziare Kawasaki per avermi fatto solo vedere la corsa da 8 ore che era il mio sogno, alcune cose non vanno come immagini».

Razgatlioglu è amareggiato per non aver avuto la chance che sognava. Più pesante ci è andato Sofuoglu, anche lui tramite una storia su Instagram. Queste le sue parole: «Siamo veramente contrariati dalla decisione presa da Kawasaki. Toprak ha speso molto tempo per lavorare duramente per questa gara. Era uno dei più veloci e consistenti in pista. Il team Kawasaki non gli ha concesso un giro durante la corsa. Ha aspettato otto ore nel garage. Ciò non dimostra alcun rispetto per noi ed è inaccettabile».

Il mentore e manager del rider turco è arrabbiato con Kawasaki. Quanto successo alla 8 Ore di Suzuka potrebbe spingere Razgatlioglu all’addio alla casa di Akashi per sposare il progetto Yamaha. Sofuoglu a Speedweek ha confermato questa possibilità: «Eravamo indecisi tra Kawasaki e Yamaha, ma dopo quanto successo probabilmente firmeremo con la Yamaha. Ne ho parlato con Toprak e non è contento di come è stato trattato».

Il centauro classe 1996 potrebbe diventare il nuovo compagno di Michael van der Mark nel campionato mondiale Superbike 2020. Infatti, sembra che il team Pata Yamaha WorldSBK sia propenso a non confermare Alex Lowes. Sia l’inglese che l’olandese erano presenti alla 8 Ore di Suzuka e sono arrivati secondi in squadra con Katsuyuki Nakasuga. La casa di Iwata si potrebbe ritrovare uno dei piloti maggiormente talentuosi della griglia. Beffando anche Kawasaki, che lo ha cresciuto. Probabile che da Akashi verrà fatto un tentativo per ricomporre la frattura con Sofuoglu e Razgatlioglu. Lo scenario è aperto.

Le parole di Toprak Razgatlioglu su Instagram dopo la 8 Ore di Suzuka
Kenan Sofuoglu Razgatlioglu
Le parole di Kenan Sofuoglu su Instagram dopo la 8 Ore di Suzuka