Non basta il ritiro: Charles Leclerc fa beccare pure una multa alla Ferrari

0
6020
Charles Leclerc dopo il ritiro dal GP di Germania di F1 2019 a Hockenheim (Foto Ferrari)
Charles Leclerc dopo il ritiro dal GP di Germania di F1 2019 a Hockenheim (Foto Ferrari)

F1 | Non basta il ritiro: Charles Leclerc fa beccare pure una multa alla Ferrari

Se l’è cavata con una semplice multa la Ferrari, finita sotto indagine al termine del Gran Premio di Germania di F1 2019 per l’uscita dai box di Charles Leclerc in condizioni insicure. Il pilota monegasco è rientrato per il suo pit stop in occasione del primo ingresso in pista della safety car: una fase convulsa, durante la quale la corsia dei box si è ritrovata affollata di parecchie vetture che stavano adottando la stessa strategia.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Proprio in quel momento, una volta terminata la sua sosta e ottenuto il semaforo verde dai suoi uomini, Leclerc ha fatto ripartire la sua macchina e si è toccato con Romain Grosjean. L’incidente è finito nel mirino dei commissari di gara che, dopo averne studiato le immagini, hanno sentenziato che la Ferrari ha fatto uscire il suo pilota “tagliando la strada della vettura che si avvicinava” (quella di Grosjean, appunto). Di conseguenza “le vetture sono state protagoniste di un piccolo contatto”.

La manovra del ferrarista, fa notare ancora la direzione gara, è stata ulteriormente complicata dalla necessità di infilarsi tra la Haas di Grosjean e i meccanici in attesa delle altre squadre: “Leclerc ha guidato con un angolo acuto per evitare una pistola smontagomme nella piazzola successiva e non ha avuto modo di guidare attraverso l’area di ricongiungimento alla pit lane”. Per questo motivo la responsabilità è stata attribuita tutta sulle spalle della Ferrari, che è stata multata di cinquemila euro per l’accaduto.

Leggi anche -> L’errore che è costato a Charles Leclerc la sua prima vittoria (VIDEO)

Leclerc, invece, l’ha fatta franca senza beccarsi alcuna sanzione sportiva, a differenza di quanto capitò appena qualche settimana fa a Max Verstappen, a cui furono comminati cinque secondi di penalizzazione per un incidente simile con Valtteri Bottas al Gran Premio di Montecarlo. Il motivo della differenza di giudizio è che in questo caso, appunto, i commissari hanno tenuto in considerazione la scarsa gravità della collisione e la situazione di caos che stava avvenendo in corsia dei box.

Nel corso della passata stagione furono ben cinque le investigazioni per uscita insicura dalla pit lane durante le gare: in tutte le occasioni furono imposte multe tra i 5 mila e i 50 mila euro, ma in molti di questi casi le macchine erano state rimandate in pista senza che le gomme fossero state correttamente montate.