Mattia Binotto: “Quanto rammarico per la chance persa”

0
146
Mattia Binotto (©Getty Images)

F1 | Mattia Binotto: “Quanto rammarico per la chance persa”

Considerata la giornata nera della Mercedes, il secondo posto di Vettel e il ritiro di  Leclerc hanno un sapore ancora più amaro per la Ferrari. Proprio quando potevano approfittarne,i rossi, non ce l’hanno fatta lasciando la vittoria del GP di Germania ad altri, nello specifico alla Red Bull di Max Verstappen.

Alla luce di cosa è successo c’è  un po’ di rammarico“, ha affermato il boss Mattia Binotto, che ancora una volta si è trovato a dover commentare una domenica così così per il Cavallino.  “Ad ogni modo siamo contentissimi per Sebastian. Ha fatto una bella gara e si è meritato il podio. La macchina ha funzionato bene, l’avevamo già visto venerdì e sabato e oggi ha permesso ai nostri due piloti di avere il ritmo giusto, tanto che, quando è uscito di pista, Charles si trovava in seconda posizione . Credo inoltre non ci siano stati errori di strategia“.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Decisamente galvanizzato dall’euforia dei tifosi tedeschi che ad ogni suo sorpasso facevano tremare le tribune, il #5 ha potuto guardare al bicchiere mezzo pieno grazie ad un rimontone dal fondo schieramento dopo il guasto patito nel Q1.

Sono soddisfatto“, ha detto. “E stato un gran premio davvero lungo, ma mi sono divertito tantissimo. C’è voluto del tempo per prendere la mano con le intermedie, ma poi ho soltanto cercato di essere pulito nella guida. Dopo l’ultima safety car ho capito che ero veloce e riuscivo a superare chi mi stava davanti. Sono stato cauto alla prima curva, poi ho dato tutto”.

Ovviamente di tutto altro tenerone le parole a caldo del #16, finito contro le barriere quando la pioggia era tornata a rendere insidioso il tracciato di Hockenheim.

E’ stato sufficiente fare un errore per rovinare tutto“, ha proclamato deluso. “Ci tengo però a segnalare che un asfalto come quello che c’è nelle vie di fuga delle ultime due curve non può starci in F1. Quando sono entrato ero a 60, al massimo a 70 km/h e non c’era alcun grip. Era come essere sul ghiaccio“, ha infine denunciato il monegasco.

Leggi anche -> L’errore che è costato a Charles Leclerc la sua prima vittoria (VIDEO)

Dopo 11 round ora la Ferrari è a 261 punti contro i 407 delle Frecce d’Argento.

Chiara Rainis