Fabio Quartararo
Getty Images

MotoGP, Fabio Quartararo: “Incredibile, Rossi guarda i miei dati”

Fabio Quartararo non nasconde che fino a un decennio fa era all’esterno del motorhome di Valentino Rossi per strappargli un autografo o una foto. Oggi condivide con lui M1 e in certe occasioni riesce persino ad essere più veloce, sia sul giro che in gara.

Tuttavia, il giovane di Nizza crede di avere ancora molto da imparare dai piloti Yamaha ufficiale Rossi e Viñales. “Su alcune piste, devo migliorare l’ingresso in curva e capire come gestire l’acceleratore e contrastare l’inclinazione dell’impennata. Ho ancora molte cose da imparare su questa moto. Ad esempio, quando guardo i dati di Valentino e Maverick, vedo la loro esperienza nel controllo del gas. Devo ancora imparare queste cose da loro”.

Quartararo e la condivisione della telemetria

C’è uno scambio continuo di dati, ma sorprende che in diverse occasioni sia il Dottore a dover scrutare la sua telemetria. Come ad esempio al Mugello, dove il rookie francese andava davvero forte, mentre Valentino Rossi era in difficoltà dalle prime prove libere alla gara. “Al Mugello, sono stato molto veloce, ha sicuramente guardato i miei dati – ha proseguito Fabio Quartararo a Speedweek.com -. Per me è piuttosto strano”.

In Moto2 non ha mai particolarmente brillato, invece con il passaggio in classe regina Fabio è riuscito ad emergere nonostante le maggiori difficoltà: “Nella classe MotoGP, devi controllare le gomme, quindi devi sapere se il serbatoio è pieno o quasi vuoto e pensare alle tre mappature per l’erogazione di potenza e la frenata del motore. Devi davvero prestare molta attenzione quando sei in moto e penso che mi aiuti a stare calmo quando sono ai box”. Inoltre serve scegliere il momento giusto per cambiare la mappatura nel corso di un Gran Premio. “Se sei su una pista con un grip minimo, lavorerai molto di più con la mappatura della potenza. Dipende anche dalla gomma posteriore selezionata per la gara. Direi che cambio la mappatura della potenza una o due volte, lo stesso vale per il freno motore”.