Carabiniere ucciso, Rita Dalla Chiesa contro Saviano: “Toglietegli la scorta” – FOTO

Rita Dalla Chiesa carabiniere ucciso
Rita Dalla Chiesa contro Roberto Saviano nella vicenda del carabiniere ucciso – FOTO: tuttomotoriweb

Non usa mezze parole la focosa Rita Dalla Chiesa nell’attaccare Roberto Saviano e la sua opinione sul caso del carabiniere ucciso a Roma.

La vicenda del carabiniere ucciso a Roma due sere fa, il 35enne campano Mario Cerciello Rega, ha dato modo a tanti personaggi famosi e non di esprimersi in tutti i toni possibili su questa vicenda. Anche Roberto Saviano e Rita Dalla Chiesa figurano tra coloro che hanno espresso la propria opinione. Ma alla fine l’ex conduttrice di ‘Forum’ ha trovato un motivo per attaccare lo scrittore, il quale da anni vive sotto scorta per le sue opere di aperta denuncia contro la camorra. Saviano aveva parlato della morte del carabiniere ucciso come di un pretesto per i razzisti di potersi scagliare contro i migranti. “La morte di Mario Cerciello Rega è già territorio saccheggiato dalla peggiore propaganda. La morte di un Carabiniere in servizio non può essere usata come orrido strumento politico contro i migranti. Delinquenti politici che, per allontanare da sé i sospetti sui crimini commessi, non esitano a usare i più deboli tra voi, e i più esasperati (ognuno ha una ragione per esserlo), per alimentare sentimenti razzisti che non hanno ragione di esistere”.

LEGGI ANCHE –> Carabiniere ucciso, la fake news sui suoi assassini alimentata dalle forze dell’ordine

Carabiniere ucciso, attacco frontale di Rita Dalla Chiesa a Saviano

Saviano continua. “Quando la camorra uccide, non è pensabile incolpare tutti i campan Mi rendo conto che non è semplice, ma sta a noi comprendere la reale situazione criminale del nostro Paese e difendere il sacrificio di un uomo, di un Carabiniere caduto mentre agiva rispettando il giuramento prestato alle leggi democratiche del suo Paese”. Questo pensiero evidentemente non deve essere piaciuto a Rita Dalla Chiesa, la quale si è espressa così sui suoi profili personali social. “Senza parole. E lui senza vergogna. Gli uomini della sua scorta dovrebbero ribellarsi, dopo quello che ha detto, e lasciarlo solo. E adesso attaccatemi pure. Non me ne importa niente”.

LEGGI ANCHE –> Tragedia assurda: padre dimentica i due gemelli in auto sotto al sole

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Questo ha scritto Saviano nel suo post. A me sembra, in forma buonista, una forma di strumentalizzazione pesante. Poi dite quello che volete. Con la vostra coscienza ci dovete fare i conti voi, non io. Auguratevi di non avere mai bisogno di un Carabiniere o un Poliziotto. Con quello che vi giocate per un cellulare, un ristorante o un paio di gambe che sembrano würstel al mare, loro cercano di far vivere nella dignità’ le loro famiglie. Non una parola sul Vice Brigadiere ucciso. Tenetevi Saviano, i salotti radical chic, e mettete in frigo quel minimo di cervello che avete e che vi impedisce di accettare un confronto con chi non la pensa come voi.

Un post condiviso da Rita Dalla Chiesa (@rita_dalla_chiesa_official) in data: