Omicidio Niccolò Ciatti, la decisione del giudice: “Siamo sconcertati”

0
136
Niccolò Ciatti
Niccolò Ciatti (foto dal web)

Il giudice istruttore spagnolo ha stabilito che per l’omicidio di Niccolò Ciatti, il ragazzo ucciso in una discoteca spagnola nell’agosto 2017, solo uno dei tre aggressori andrà a processo.

Il giudice istruttore del tribunale di Blanes, città in provincia di Girona, in Spagna, ha stabilito che solo uno dei tre uomini ceceni accusati di aver aggredito e causato la morte del giovane Niccolò Ciatti, il ragazzo ucciso in una discoteca spagnola dopo essere stato colpito a sorpresa nell’agosto 2017, andrà a processo. L’unico ad essere stato rinviato a giudizio è Rassoul Bissoultanov, il 26enne che secondo l’accusa sarebbe il ragazzo che ha sferrato il colpo mortale a Niccolò. Le posizioni degli altri due indagati, Khabibul Kabatov e Movsar Magomedov, rispettivamente di 22 e 24 anni, sono state archiviate.

Omicidio Niccolò Ciatti: a processo solo uno dei tre aggressori

Nella notte tra l’11 ed il 12 agosto 2017 un ragazzo italiano, Niccolò Ciatti, 22enne di Scandicci, comune in provincia di Firenze, viene pestato a morte in una discoteca di Lloret de Mar, sulla Costa Brava in Spagna. Niccolò, che lavorava come fruttivendolo al mercato centrale di Firenze, si trovava nella località spagnola per trascorrere le vacanze con alcuni amici. In quella che doveva essere una tranquilla serata sulla pista da ballo, il 22enne viene pestato a morte da un gruppetto di ragazzi ceceni con i quali era scoppiata una rissa prima dentro e successivamente all’esterno del locale. Niccolò, secondo la ricostruzione degli inquirenti, viene preso di mira dai tre ceceni sino a quando uno di quest’ultimi gli sferra un calcio alla tempia che risulterà essere il colpo mortale. A sferrare il colpo fatale sarebbe stato Rassoul Bissoultanov, un 26enne ceceno attualmente detenuto in carcere, che sarà l’unico ad affrontare il processo in Spagna per l’omicidio di Niccolò. A deciderlo, secondo quanto riportato da La Nazione, è stato il giudice istruttore del tribunale di Blanes (Spagna) dove è in corso il procedimento giudiziario. Le posizioni degli altri due ragazzi, Khabibul Kabatov (22 anni) e Movsar Magomedov (24 anni) sono state archiviate dal giudice che ha accolto la richiesta del pubblico ministero spagnolo. La decisione del giudice ha spiazzato la famiglia di Niccolò che ha dichiarato: “Siamo sconcertati ma non ci arrendiamo“. Il legale della famiglia Ciatti, Agnese Usai, come riporta La Nazione, ha annunciato di voler impugnare la sentenza ritenendo che anche gli altri due ragazzi ceceni con il loro comportamento abbiano contribuito alla morte del giovane di Scandicci.

Leggi anche —> Caso Orlandi: “Emanuela è viva e sta bene da 36 anni”