Mercedes (©Getty Images)

F1 | Mercedes sulla possibile débacle: “Colpa del caldo. Speriamo piova”

Sebbene la Mercedes si sia affrettata a portare in Germania un sistema di raffreddamento aggiornato e una scocca alleggerita, il caldo africano che ha colpito il circuito di Hockenheim questo venerdì, l’ha evidentemente messa in difficoltà, premiando invece finorala Ferrari che, in entrambi i turni iniziali di prove libere ha occupato le prime posizioni.

Consapevole di questo handicap Lewis Hamilton, oggi stabile terzo, si è lasciato scappare di aver già cominciato a fare la danza della pioggia.

Purtroppo considerato il profilo della nostra vettura non c’è molto che possiamo fare o cambiare quando le temperature esterne sono tanto elevate. Stiamo lavorando per apportare qualche piccola modifica, ma non farà una grande differenza”, ha dovuto riconoscere giustificando il possibile mancato risultato. “Se questo calore dovesse proseguire per tutto il weekend ci troveremmo nei guai come avvenuto in Austria. Dobbiamo dunque incrociare le dita e sperare che non accada”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ugualmente alla ricerca dell’acqua l’altro uomo delle Frecce d’Argento Valtteri Bottas, autore sia nell’FP1, sia nell’FP2 di diversi errori.

Non abbiamo ancora disputato un’intera corsa sul bagnato, dunque mi auguro possa capitare“, le parole del finlandese. “Come noto la W10 non è la più efficiente in condizioni di caldo estremo, ma abbiamo portato alcuni update per il raffreddamento ed un nuovo pacchetto aerodinamico. Questi accorgimenti dovrebbero rafforzare le performance generali dell’auto“.

Dopo il round del Red Bull Ring c’è stata una grande reazione da parte del team“, ha rilanciato il driver di Nastola, 5° e 4° in questo primo giorno germanico, ricordando l’unico GP della stagione che non ha premiato una Mercedes. “Adesso staremo a vedere come funzioneranno le novità. Ad ogni modo domenica le previsioni non dovrebbero dare temperature molto alte“.

Chiara Rainis